MotoGP | GP Spagna – Sintesi Gara: Bagnaia torna a vincere davanti a Quartararo e Aleix Espargaro. Spettacolo da parte di Marc Marquez.

Pecco Bagnaia trionfa per la prima volta nel 2022 al GP di Spagna MotoGP. Il pilota di Chivasso vince davanti a Quartararo e Aleix Espargaro.

Cronaca GP Spagna MotoGP
Credit: Twitter

La MotoGP arrivava alla gara del GP di Spagna con Quartararo e Rins primi a pari merito con sessantanove punti. I due piloti godevano di tre punti di vantaggio su Aleix Espargaro, mentre Bastianini, dopo la caduta a Portimao, era rimasto fermo a quota 61. Bagnaia, poleman di giornata, era nono a pari punti (trentuno) con il compagno di team Jack Miller.

In questo weekend sono presenti in pista i collaudatori Aprilia Honda Savadori e Bradl. I due piloti hanno portato in pista una moto “laboratorio” per testare nuove componenti e per valutare lo sviluppo delle moto.

Il fine settimana del GP di Spagna è iniziato con le FP1, dove le due Suzuki hanno occupato le prime due posizioni con Mir e Rins. I due spagnoli hanno preceduto il connazionale Alex Marquez. Quartararo ha colto il quinto crono, mentre Bagnaia ha iniziato in salita il weekend cogliendo solo tredicesimo tempo. La seconda sessione di Prove Libere ha visto Quartararo cogliere il miglior tempo in 1.37.071, stando davanti a Bastianini e Bagnaia. Mir, dopo la positiva sessione mattutina, ha chiuso il lavoro nel venerdì con il dodicesimo crono.

Nelle FP3 del sabato è stato Bagnaia ha cogliere la migliore prestazione in 1.36.782 e precedendo Quartararo e un Nakagami in recupero nelle prestazioni. Marquez, opaco nel venerdì, ha chiuso con il quarto tempo, davanti a Vinales, Bastianini e A. Espargaro.

Le Qualifiche, insieme alle oramai classiche esclusioni nel Q1 di Morbidelli e Dovizioso, hanno visto rimanere escluso dal gruppo dei migliori anche Pol Espargaro, che è partito dalla tredicesima casella. Il Q2 ha consegnato la Pole a Bagnaia che, con un giro da incorniciare, ha girato in 1.36.170, sbaragliando la concorrenza di Quartararo e Aleix Espargaro. Il francese e lo spagnolo hanno accusato un distacco di quattro e sette decimi dalla prestazione del pilota di Chivasso.

Sono scattati dalla seconda fila Miller, M. Marquez e Zarco, mentre dalla terza sono partiti Nakagami, Bezzecchi e Mir. Si sono classificati per la quarta fila Martin, Bastianini (caduto durante le Qualifiche) e Vinales.

Sintesi GP Spagna MotoGP


14:47 Termina qui la Cronaca LIVE del GP di Spagna MotoGP. Rimanete su F1inGenerale per leggere le dichiarazioni del post gara e la sintesi di Gara2 di MotoE.

14:46 Terminano in zona punti, ma fuori dalla top ten i seguenti piloti: P. Espargaro, Oliveira, A. Marquez, Vinales e Morbidelli; mentre completano lo schieramento al traguardo Marini, Dovizioso, Di Giannantonio, Rins, Gardner, Savadori e Martin.

14:44 – La top ten viene completata da Marc Marquez, Miller, Mir, Nakagami, Bastianini, Bezzecchi, B. Binder.

14:42 – Con una precisione chirurgica, Bagnaia ricama perfettamente la tredici e passa per primo sul traguardo vincendo il GP di Spagna MotoGP. Quartararo, nonostante gli sforzi, chiude secondo e Aleix Espargaro chiude il podio.

Ultimo giro – Aleix mette definitivamente in cascina il suo terzo posto, mentre Bagnaia riesce a limitare di molto l’assalto di Quartararo. Alla Dry Sac Miller chiude le porta all’ennessimo attacco di Marquez che, alla otto, tira fuori il coniglio dal cilindro e fa un sorpasso folle.

Giro 24 – Quartararo sul traguardo mangia un altro decimo e porta a quattro decimi e due il distacco dalla rossa moto del piemontese. Bagnaia da il massimo ed entra nelle staccate in piena e totale derapata e questo lo aiuta a riportarsi, nel T3, a mezzo secondo dal francese.

Giro 23 – Aleix scappa definitivamente, mentre si crea il terzetto Miller, Marc Marquez, Mir.

Ventiduesimo giro – Aleix Espargaro allunga su Miller, Mir ricuce su Marc Marquez ma, soprattutto, Quartararo si riporta a mezzo secondo da Bagnaia.

Giro 21 – Marquez fa un ingresso suicida alla cinque e, in percorrenza, supera all’interno l’australiano. Alla Dry Sac di aprono tutti a ventaglio ma, grazie a un’incredibile staccata, Marc tiene la posizione. Alla Quindici A. Espargaro si prende la posizione su Miller in staccata e, dopo una chiusura dell’anteriore sulla Honda dell’otto volte Campione del Mondo, il pilota Aprilia ha preso la terza posizione e Miller la quarta.

Giro 19 – Bagnaia riporta a quasi otto decimi il vantaggio su Quartararo.

Giro 18 – Momento abbastanza calmo della gara. Le uniche schermaglie sono quelle alla quindici tra Miller e un Marc Marquez che non riesce ad affrontare bene la curva e ad affondare l’attacco ai danni dell’australiano.

Giro 17 –  Mir arriva a perdere un secondo e otto su Aleix, segno che il terzetto all’inseguimento di Quartararo può stare tranquillo riguardo alla risalita degli inseguitori.

Giro 16 – A dieci giri dal termine la classifica è la seguente: Bagnaia, Quartararo, Miller, M. Marquez, A. Espargaro, Mir, Nakagami, Bezzecchi, Bastianini, B. Binder, P. Espargaro, Oliveira, A. Marquez, Marini e Vinales.

Giro 15 – Quartararo prova a ricucire su Bagnaia e arriva, nel T2, ad accusare mezzo secondo sul ducatista.

Quattordicesimo giro – Quasi otto decimi tra Quartararo e Bagnaia, con i primi due che portano a ben cinque secondi e mezzo il vantaggio su Miller.

Giro 13 – Alla cinque Marquez esce francobollato a Miller che, però, alla Dry Sac stacca profondo e obbliga lo spagnolo a continuare a desistere dall’affondare il sorpasso definitivo. Alla quindici Marquez va lungo e Aleix finisce a un passo dal quarto posto.

Giro 12 – Bagnaia continua a mettere decimi tra lui e Quartararo. I primi due sono sempre più tranquilli della loro posizione, grazie ai quattro secondi e quattro su Miller che prova in tutti i modi a tenersi davanti a Marc Marquez. Nel corso del giro, poi, Bastianini prende la nona posizione su Brad Binder.

Giro 11 – La classifica sul traguardo è la seguente: Bagnaia, Quartararo, Miller, M. Marquez, A. Espargaro, Mir, Nakagami, Bezzecchi, B. Binder, Bastianini, P. Espargaro, Oliveira, A. Marquez,  Marini e Vinales. Alla uno cade Bradl, mentre il suo compagno di squadra Marc Marquez prova in tutti i modi di infilare Miller.

Giro 10 – Rins va alla undici nel giro precedente e finisce in ventiduesima posizione, mentre alla cinque cade in percorrenza Johan Zarco.

nono giro – Tre secondi e uno tra Quartararo e Miller, con Marquez che si francobolla a Miller e prova l’attacco alla quindici.

Giro 8  – Sale a due secondi e quattro il vantaggio dei primi due sul terzetto MIller, M. Marquez e A. Espargaro, mentre Miller cerca di mettere qualcosa tra sé e Marquez e arriva ad avere 3 decimi di vantaggio.

Giro 6 – Bagnaia gira in 1.37.669, un solo centesimo più veloce di Quartararo. Alla due cade Darryn Binder. Bagnaia prova a mettere dei decimi tra lui e Quartararo, mentre il loro vantaggio su Miller, braccato da Marc Marquez, sale a un secondo e otto.

Giro 5 – Sale a un secondo il vantaggio del duo di testa sulla coppia Miller-M. Marquez.

Giro 4 – Bagnaia gira in 1.37.971. I primi due godono di sette decimi su Miller e Marc Marquez che, a loro volta, godono di tre decimi su Aleix Espargaro. Alla quattordici Quartararo esce vicinissimo a Bagnaia che si difende con l’ennesima staccata profonda.

Giro 3 – giro record per Marc Marquez in 1.38.059. Quartararo continua a insidiare un Bagnaia chiamato a fare diverse profonde staccate per rispondere al francese.

Giro 2 – Alla quindici del primo giro Marquez compie un ingresso killer su Nakagami, mentre Bradl e Martin si stendono in autonomia. Sul traguardo la classifica è la seguente: Bagnaia, Quartararo, Miller, M. Marquez, A. Espargaro, Mir, Nakagami, Bezzecchi, Zarco, B. Binder, Bastianini Rins. P. Espargaro, Oliveira. A. Marquez.

14:00 – PARTITI! Il via premia Bagnaia, ma penalizza molto Aleix che va a contatto con Marc marquez. Alla due Quartararo prova a insidiare Bagnaia che, nelle curve successive, prova subito a mettere qualche deci mo sulla Yamaha. Quartararo, chiuso a sandwich con le due Ducati, resiste a Miller.

13:59 – I piloti hanno ultimato il giro di ricognizione. Tra pochi secondi il via del GP di Spagna.

13:58 – Il cielo è azzurro sopra Jere, con temperature di 27°C per l’atmosfera e 47°C per l’asfalto

13:54 – Scelta univoca per quanto riguarda le coperture. Tutti i piloti hanno optato per le hard all’anteriore e le medie al posteriore.

13:52 – La settimana ci ha portato diverse novità: La Grand Prix Commission ha deciso di tagliare il numero di giorni destinati ai test in un’ottica di riduzione dei costi, Dorna ha momentaneamente sospeso l’accordo con Amazon riguardante MotoGP Unlimited dopo i diversi problemi riscontrati dopo la pubblicazione della prima stagione e, infine, il team LCR ha annunciato di aver prorogato l’accordo per la fornitura delle moto con Honda.

13:50 – Amici di F1inGenerale, buon pomeriggio e benvenuti alla Cronaca LIVE del GP di Spagna MotoGP. Questa gara può consegnare Bagnaia nell’olimpo dei migliori piloti della MotoGP e per questo ci sono grandi attese riposte sul pilota Ducati.

Seguici su Telegram

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico