MotoGP | GP Stati Uniti – Le parole di Bagnaia: “Questo è il miglior risultato che potevo cogliere oggi. Non ho festeggiato sul podio per rispetto verso la famiglia di Vinales”

Per Francesco Bagnaia non è stato un GP degli Stati Uniti semplice. Il pilota ha manifestato una mancanza di feeling con il grip della gomma anteriore per tutta la giornata di oggi. Costretto a gestire nella prima metà della gara, il pilota di Chivasso ha poi spinto nella seconda metà e ha saputo cogliere un piazzamento a podio.

Credit: Twitter

Bagnaia esce dal GP degli Stati Uniti con un passivo maggiore da Quartararo nella classifica generale. Infatti, grazie al secondo posto conquistato, porta a 52 punti il vantaggio sul pilota di Chivasso. Il vantaggio, a tre prove dal termine, pone quasi totalmente fine alle speranze iridate di Pecco.

Il weekend di Pecco è iniziato con un ottavo e un sesto tempo nelle Prove Libere del Venerdì. Nella mattinata del sabato Bagnaia ha colto il peggior risultato di tutto il weekend. Infatti, il pilota Ducati che ha conquistato l’accesso al Q2 con un tempo di 2.04.125, che gli è valso il nono tempo della sessione.

Nelle Qualifiche, Bagnaia ha fatto il salto di qualità e, probabilmente, ha mostrato ciò che si era tenuto in tasca nelle precedenti sessioni. il ducatista ha concluso la sessione con il miglior tempo, conquistato girando con un crono di 2.02.78, relegando a tre decimi e mezzo su Quartararo, e a mezzo secondo su Marquez e Martin.

In gara, Pecco ha accusato un problema con il grip all’anteriore che già si era palesato nel Warm Up (concluso con il diciottesimo tempo, ad un secondo e uno dal miglior tempo di Nakagami) e che lo ha limitato nella prima metà di gara. Infatti, Bagnaia ha cercato di risparmiare gomma al posteriore nella prima metà di gara, in modo da poter sfruttare questo surplus nel momento in cui gli altri piloti accusavano il drop delle coperture. Il suo piano, possiamo dirlo, è riuscito quasi alla perfezione e, nonostante non abbia vinto e non abbia accorciato su Quartararo, può dirsi soddisfatto della sua prestazione.

Le parole di Bagnaia

Al parco chiuso: “Ho dato tutto ed è stato più difficile di quanto pensassi. Il tracciato è molto caldo e correrci è molto stressante e stancante, anche per via delle condizioni dell’asfalto. La moto oggi è stata molto competitiva. Nella prima parte, però, mi ha dato diversi problemi. Sapevo che il passo di Marc sarebbe stato migliore e, allora, ho deciso di preservare la gomma al posteriore. Ho scelto così anche perché oggi sentivo molto poco il grip all’anteriore ma, quando ho subito tutti quei passaggi, non mi sono sentito nervoso. Poi, quando ho visto che anche gli altri manifestavano problemi, ho dato tutto e sono finito sul podio. Questo è il miglior risultato che potevo cogliere oggi.”

Ai microfoni di Sky: “Mi sembrava giusto e rispettoso nei confronti della famiglia Vinales non festeggiare sul podio. ciò che è successo sabato scorso è ancora una ferita aperta che affligge tutti e mi sembrava giusto così secondo me. Sono partito bene, ma alla prima curva non ho fatto una staccata esagerata perché nei primi giri sono sempre dovuto stare attento per non perdere l’appoggio all’anteriore. Comunque non ho sentito il grip di ieri sulla gomma e, anche quando ho iniziato a sentire confidenza, ho aspettato che gli altri iniziassero a calare per iniziare a spingere. Nonostante ho risparmiato all’inizio sono comunquer finito senza gomma sia all’anteriore, che al posteriore.

Penso che le condizioni di oggi fossero le peggiori di tutto il weekend e, infatti, è stata molto dura. Però il risultato migliore possibile era il terzo posto perché Fabio è stato bravissimo e Marc era intoccabile oggi. Più di così non potevamo fare e dobbiamo essere contenti del risultato. Io penso anche che quando si da il massimo bisogna sempre essere soddisfatti.”

Seguici su Telegram

Moto2 | GP Stati Uniti – Sintesi Gara: vince ancora Raul Fernandez. Garnder Out, Mondiale riaperto!

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico