MotoGP | GP Stiria – Sintesi FP3: Ducati e Bagnaia davanti a tutti

Il torinese piazza la Desmosedici in prima posizione in classe MotoGP per il GP di Stiria davanti alle due Yamaha ufficiali.

MotoGP GP Stiria

La terza sessione di prove libere permette ai piloti MotoGP di ritrovare ritmo in condizioni di pista asciutte in vista delle qualifiche per il GP di Stiria. Il turno parte come sempre con una presa di contatto da parte dei piloti. Tutti scendono in pista con una coppia di gomme Medium. Dopo una quindicina di minuti iniziano i primi attacchi al tempo, che dureranno poi fino alla fine della sessione. A spuntarla è Francesco Bagnaia con la sua Ducati: il torinese è il più veloce del turno con 1:23.114. Segue la coppia di Yamaha ufficiale, con Fabio Quartararo che precede di 120 millesimi Maverick Viñales.

Nonostante il francese sia davanti, non è sembrato affatto a proprio agio sulla M1. Quartararo ha faticato durante tutto il corso del turno in frenata, specialmente in curva 3: “El Diablo” è arrivato spesso lungo, anche rischiando di centrare proprio Viñales. L’episodio ha scatenato una reazione nello spagnolo, visibilmente inviperito nei confronti del compagno.

Dietro alle due M1 si piazza un’altra Ducati, quella di Jorge Martin. Lo spagnolo, ancora reduce dall’infortunio a Portimao, è parso subito in palla fin dall’inizio del turno, quando ha stampato il miglior tempo, che ha abbassato di circa mezzo secondo nel finale. Quinta posizione per Joan Mir e Suzuki, con un tempismo perfetto. Infatti, nella serata di venerdì è finalmente arrivato alla casa di Hamamatsu il dispositivo di abbassamento posteriore, il celeberrimo holeshot. Questo dispositivo, largamente usato da ormai tutte le case, permette una migliore uscita dalle cruve. Purtroppo, per Suzuki c’è un solo esemplare al momento, affidato al campione del Mondo in carica. Mir ne ha fatto certamente buon uso, facendo un ottimo giro, famoso punto debole per lui e Suzuki.

In sesta posizione troviamo Johann Zarco, seguito a ruota da Marc Marquez e Aleix Espargaro. Il pilota Aprilia è parso sornione durante tutto il turno, ma come sempre riesce a piazzare la zampata nel finale, centrando l’ennesimo Q2 con la sua RS-GP. Jack Miller e Takaaki Nakagami chiudono i primi 10 posti, quindi coloro che accedono direttamente al Q2.

Dietro è una giungla: Nakagami ha fatto 1:23.740 per entrare nei 10, Pol Espargaro (11°) ha fatto segnare1:23.757, solo 17 millesimi peggio del compagno di marca. Discorso simile anche per Daniel Pedrosa (12°), Alex Rins (13°), Alex Marquez (14°) e Brad Binder (15°): tutti racchiusi in 59 millesimi di secondo.

Male Miguel Oliveira, solo 16°. Valentino Rossi è 19° e precede le due Ducati guidate da Enea Bastianini e Luca Marini, caduto ad una manciata di secondi dalla fine del turno.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | GP Stiria – Sintesi FP2: Savadori il migliore sul bagnato, ma la KTM preoccupa. Disastro Yamaha

Aggio Valentino

19 anni, amante di MotoGP e Superbike.