MotoGP | GP Teruel – Conferenza stampa piloti, Quartararo: “Ci sono piloti ufficiali in lotta per il mondiale, non sono io a dover sentire la pressione”

I protagonisti della conferenza stampa del GP Teruel di MotoGP sono stati i primi quattro della classifica, ma al centro dell’attenzione c’è stato soprattutto l’uomo del momento Alex Marquez.

 

Conferenza stampa GP Teruel
Da sinistra a destra: Rins, Quartararo, Dovizioso, Mir, A. Marquez e Vinales. Foto: Suzuki Ecstar

 

Si apre il secondo weekend di gara ad Aragon con la conferenza stampa del GP Teruel. Presenti in sala stampa i primi quattro del mondiale Mir, Quartararo, Vinales e Dovizioso insieme a Rins e ad Alex Marquez.

Joan Mir (Suzuki)

Dopo aver conquistato la leadership del mondiale, Mir ha dichiarato: “Sono contento di correre di nuovo qui. Nell’ultima gara abbiamo avuto qualche problema e dobbiamo risolverli. La pressione dal primo al secondo in classifica non cambia, è importante dare il meglio in ogni gara e non cambierò la mia strategia. Sulle prossime gare ha poi aggiunto: “La stagione è così competitiva perchè ci manca un riferimento, probabilmente con Marc sarebbe stato diverso. Non abbiamo parlato con Brivio e non mi aspetto team order in futuro. Alex [Marquez] ha dimostarto che la Honda ha un grande potenziale, ma non mi spaventano particolarmente. Sono molto preoccupato per il Covid, perdere gare sarebbe devastante.”

Fabio Quartararo (Petronas)

Quartararo non sembra preoccupato dopo l’ultima gara. Il francese ha dichiarato: “L’ultimo weekend è stato pieno di alti e bassi per noi. Dopo aver conquistato la pole, in gara abbiamo faticato con il passo ma abbiamo in serbo qualche miglioramento. Stiamo lavorando su diverse combinazioni di gomme, ma penso che in gara useremo le stesse della scorsa domenica. Non sento molta pressione, ci sono dei piloti factory in lotta per il mondiale, la pressione non è su di me. Marc è un riferimento, ma non è che senza di lui giriamo più piano. È un campionato strano, ma almeno siamo tutti vicini.” El Diablo si è poi detto preoccupato dalla pandemia in corso: “Sono più preoccupato quando sono a casa rispetto a quando sono in pista, il momento è difficile. Le cose vanno male, non uscirò molto di casa prima di andare a Valencia perchè rimanere negativi al tampone è fondamentale.”

Maverick Vinales (Yamaha)

Vinales rimane positivo in vista delle ultime gare: “Possiamo fare ancora qualche passo in avanti, ma ci sono tanti passi in avanti da sfruttare. Devo riuscire a far scorrere di più la moto in curva. Abbiamo avuto diversi problemi meccanici, ma bisogna affrontare anche queste situazioni. Il nostro team lavora bene, bisogna solo capire perchè a volte le nostre performance non sono al top, ma personalmente io faccio sempre del mio meglio. Valencia e Portimao sono piste che mi piacciono, penso di avere ancora buone possibiltà per il mondiale. Le qualifiche sono molto importanti, chi fa bene al sabato può puntare a vincere il GP.”

Andrea Dovizioso (Ducati)

Dovizioso, nonostante le difficoltà del GP di Aragon, è ottimista: “La scorsa settimana abbiamo fatto molta fatica con la temperatura per tutto il weekend. Nonostante tutto siamo ancora in lotta per il mondiale, possiamo riuscire a vincere. Questo GP non sarà facile perchè saranno tutti più veloci, ma dobbiamo conquistare più punti possibili, partire dalle prime due file sarà fondamentale. Per noi è stato un anno complicato, siamo in lotta nonostante non fossimo mai stati molto veloci, ci giocheremo bene le nostre carte. Non credo che l’assenza di Marc influisca sulla nostra costanza, probabilmente in questa stagione hanno avuto un ruolo fondamentale le gomme. Non ho parlato con Pecco, ma sono felice che sia pronto ad aiutarmi, però devo lavorare su di me.”


Alex Rins (Suzuki)

Rins punta ad un altro buon risultato dopo l’ultima vittoria: “Dopo la scorsa gara spero di riuscire a ripetermi anche questa settimana, ma è un peccato che i miei fan non possano essere qui. Siamo a -36, il gap in classifica è grande ma dobbiamo cercare di colmarlo. L’ultima gara è stata bellissima per noi, ma questa sarà più difficile. Ho sofferto parecchio in questa stagione, la spalla non mi permette ancora di essere al 100%, ma su questa pista non ho grandi problemi. Per me è importante cercare di stare nella battaglia, i risultati dicono che la Suzuki è una moto fantastica.” Su dei possibili ordini di scuderia ha poi detto: “Quando sarò fuori dalla lotta per il mondiale sarò felice di aiutare Joan.”

Alex Marquez (Honda)

Alex Marquez è entusiasta per il momento che sta attraversando: “Lo scorso weekend abbiamo lavorato bene fin dal venerdì, dobbiamo migliorare nel passo e nelle qualifiche. Non sono riuscito a vincere, ma sono comunque felice, anche Jorge Lorenzo mi ha fatto i complimenti. Questa settimana darò il meglio di me e cercherò di gestire meglio le gomme. I test che abbiamo fatto a Misano sono stati molto importanti per migliorare, ora ho più fiducia e mi sento più a mio agio sulla moto. Ci sono aspetti come frenata e set-up che sono molto importanti per andare forte e io sto capendo come perfezionarli. Con questa moto bisogna sempre essere al limite, basta guardare lo stile di guida di Marc. Anche Taka ha fatto dei bei passi avanti, mi sono ispirato a lui per migliorare”.

Sullla prossima stagione e sul suo passaggio in LCR lo spagnolo ha detto: “Io ero daccordo con la Honda sul mio passaggio in LCR, è una buona opportunità per crescere, devo ancora imparare molto per essere un buon pilota in MotoGP. Il prossimo anno tutti noi piloti Honda avremo la stessa moto, è molto positivo perchè avremo più dati su cui lavorare.” Un po’ seccato dalle continue domande sul fratello ha poi agiunto: “La situazione di Marc è sempre uguale, ma da adesso voglio concentrarmi di più su di me.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

MotoGP | Nakagami firma un contratto pluriennale con HRC