MotoGP | GP Teruel – Sintesi FP1: A sorpresa, le Honda si mettono davanti a tutti. Deludono ancora le Ducati e Quartararo

Le FP1 del GP di Teruel sono una lotta a due tra le Honda di Marquez e Nakagami. Bisogna, però, segnalare il quarto tempo di Bradl. Deludono molto le Ducati, entrambe fuori dalla top ten, e Quartararo, che termina la sessione con il diciassettesimo tempo.

Foto: profilo Twitter @takanakagami30

Il GP di Teruel, seconda prova sul circuito di Aragòn, sarà una prova interessante visti i riferimenti raccolti dai team nello scorso weekend.  Già dalle FP1 del GP di Teruel, gli occhi sono tutti puntati sulle Suzuki. Le moto giapponesi hanno occupato due delle tre posizioni da podio nella gara di domenica scorsa, e sono attese a una riconferma. Grande attenzione è rivolta anche alle Honda. Alex Marquez, in Francia e domenica scorsa, ha dimostrato la sua maturità e crescita. Nakagami, invece, ha sempre migliorato le prestazioni nei secondi round corsi sugli stessi circuiti.

Il crollo delle Yamaha nella prima gara di Aragòn è costata la vetta della classifica a Quartararo. Il francese ora accusa un  divario di sei punti su Mir. Il pilota Petronas deve guardarsi anche dietro, dove Vinales e Dovizioso non sono troppo distaccati.

Come per domenica scorsa, anche in questo weekend non correrà Valentino Rossi. Il dottore, risultato positivo al Coronavirus, è in isolamento a casa sua e rientrerà nel prossimo GP.

Le condizioni metereologiche sono leggermente migliori di settimana scorsa. Infatti, le temperature dell’asfalto e atmosferiche sono leggermente più alte. Questo aiuterà molto i piloti che non dovranno fare i conti con le gomme fredde e con la mancanza di grip.

Sintesi FP1 GP Teruel MotoGP


Nei primi venti minuti di sessione, nonostante tempi non propriamente bassi, emergono le Honda di Marquéz e Nakagami che, occupando le prime due posizioni, monopolizzano l’inizio della FP1.

Subito dietro le Honda si attestano le Yamaha di Vinales e Morbidelli. Quartararo, invece, accusa 6 decimi di distacco dal tempo di Marquez (1.48.953). Mir si ferma sul sesto tempo, mentre le Ducati deludono ancora e sono fuori dai primi dieci tempi.

A 25 minuti dal termine si migliora Nakagami, che batte di due decimi il miglior tempo del suo prossimo compagno di squadra. Il giapponese ha terminato il giro in 1.148.622.

Quando mancano 17 minuti al termine della sessione, Mir da una prova della sua forza e si stabilisce in terza posizione della classifica dei tempi. Il tempo di Mir si frappone tra quelli inarrivabili delle due Honda, e quello delle due Yamaha.

Continuano le prestazioni deludenti di KTM. Le moto austriache sono sempre state molto veloci nelle sessioni di attacco al tempo, ma negli ultimi weekend hanno visto un peggioramento delle loro prestazioni.


Grande delusione anche per Ducati che, nonostante un timido miglioramento, vede ancora le sue moto occupare le posizioni fuori dalla top ten. Unica piacevole sorpresa in casa Ducati è il sesto tempo di Miller. Le moto ufficiali, invece, hanno terminato poi la sessione in tredicesima e quattordicesima posizione.

A tre minuti dal termine si ferma la moto di Crutchlow, mentre l’altra Honda di Bradl fa un giro record e si prende il quarto miglior tempo.

L’ultima notizia di queste FP1 del GP di Teruel ce la fornisce Marquez. Lo spagnolo, che stava segnando un giro record, scivola ed è costretto a chiudere in anticipo la sessione.

Dunque, Le FP1 del GP di Teruel MotoGP vanno ad Alex marquez, che sopravanza il compagno di marca Nakagami. Terzo tempo per Mir, che precede Bradl, Morbidelli, Vinales e la miglior Ducati di Miller.

A chiudere la top ten troviamo Aleix Espargaro, suo fratello Pol, e Cal Crutchlow. Rimangono fuori dalla top ten le Ducati ufficiali e, soprattutto, Fabio Quartararo, che si ferma in diciassettesima posizione.

La MotoGP tornerà in pista oggi alle 14:30 per la seconda sessione di Prove Libere.

Seguici su Telegram

MotoGP | GP Teruel – Conferenza stampa piloti, Quartararo: “Ci sono piloti ufficiali in lotta per il mondiale, non sono io a dover sentire la pressione”

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico