MotoGP | Gran Premio Catalogna – sintesi FP1: Quartararo chiude con il primo tempo. Secondo Dovizioso

Fabio Quartararo è il vero protagonista della prima sessione di Prove Libere del Gran Premio di Catalogna MotoGP. Il francese precede Dovizioso e Mir. In ombra le KTM.

Foto: profilo Twitter @FabioQ20

Come ogni appuntamento di quest’anno, anche il Gran Premio di Catalogna di MotoGP sarà interessante per alcune novità che verranno annunciate nei prossimi giorni.

La principale notizia l’ha data nel post conferenza stampa Valentino Rossi. Il dottore, ai microfoni di Sky, ha detto che l’ufficialità del suo passaggio nel Team Petronas è questione di giorni, e arriverà nel corso di questo weekend.

L’altro annuncio che si aspetta in questo fine settimana è quello dei prossimi piloti Pramac e di chi sostituirà Dovizioso nel team ufficiale. Ducati ha già confermato l’ingaggio di Bastianini che, salvo sorprese, dovrebbe correre con Avintia. Ora si attendono le ufficialità del pilota ufficiale (Bagnaia?) e dei due piloti Pramac. Gli altri piloti, insieme a Bastianini, che andranno in Ducati sono Martìn, che è ormai libero da KTM, e Luca Marini. Tuttavia, come nel caso di Bastianini, non si conosce la precisa destinazione dei due piloti (Avintia o Pramac).

A Barcellona si è rivisto Marc Marquéz. Lo spagnolo ha fatto la più classica delle visite di cortesia, e ha rilasciato qualche intervista. Incalzato dai giornalisti, Marquéz ha dichiarato di non sapere ancora il GP in cui tornerà in pista e, anzi, non ha escluso un ritorno solo nel 2021.

Queste FP1 sono state importanti per vedere le condizioni di Crutchlow. Il pilota di LCR, rientrante dopo l’operazione per risolvere una sindrome compartimentale, è scivolato nel paddock e si è procurato la rottura dei legamenti della caviglia. Nonostante l’infortunio, il pilota è stato dichiarato idoneo dalla commissione medica ed è sceso in pista per testare il comportamento e la gravità del dolore dato dalla caviglia infortunata.

Sintesi FP1 Gran Premio Catalogna MotoGP


I primi tempi veloci della FP1 del Gran Premio di Catalogna MotoGP li segnano i piloti Yamaha e, come a Misano, si ripresenta il duello tra Quartararo e Vinales per la vetta della classifica dei tempi. A seguire i primi due si piazzano Morbidelli e Rossi.

Guidotti (Pramac): “Barcellona è una pista più favorevole di Misano e siamo molto fiduciosi per Pecco che sta dimostrando sempre del grande potenziale. Dobbiamo ancora capire bene come settare la moto in base a queste condizioni che sono diverse da quelle che troviamo di norma a giugno.”

Durante le FP1 arrivano delle prime indiscrezioni sul ritorno in pista di Marquéz. Si parla di un rientro programmato tra la seconda gara di Aragòn, e la prima di Valencia.

A 30 minuti alla fine della sessione si presenta la Suzuki. Le due moto giapponesi segnano il quarto e quinto tempo, scalzando Rossi e spezzando il filotto Yamaha nelle prime quattro posizioni.

Dieci minuti più tardi, arriva la caduta di Mir. Il pilota è prontamente rientrato ai box e il team ha subito iniziato a lavorare sulla moto per farlo rientrare in pista entro il termine della sessione.

Nonostante le parole positive di Guidotti, le Ducati sono artefici di prestazioni molto deludenti. Sia le Pramac, sia le due ufficiali si attestano tra la sedicesima posizione (Petrucci) e la ventunesima (Bagnaia).

Non ha invece problemi Crutchlow. L’inglese non soffre nel gestire il dolore e, a otto minuti al termine, occupa la settima posizione.

Iker Lecuona ha terminato la sessione con sei minuti d’anticipo. Lo spagnolo del team Tech3 è scivolato alla curva due senza conseguenze.

Con l’avvicinarsi del termine della sessione, iniziano le simulazioni dei giri di qualifica. Il primo a migliorarsi è Mir che si mette secondo, dietro a Quartararo che continua a migliorarsi. Il secondo tempo viene preso, a due minuti al termine, da Andrea Dovizioso. Il forlivese è l’unico pilota Ducati a migliorare notevolmente i tempi di inizio sessione

La sessione termina con l’ennesimo giro veloce di Quartararo. Il francese ferma il cronometro in 1.40.431, a seguirlo Dovizioso e Mir.

Nel finale sono scomparse le Yamaha che, eccetto Quartararo, terminano con il quarto tempo di Vinales, il sesto di Morbidelli, e L’ottavo tempo di Rossi.

Degne di nota sono le prestazioni dell’Aprilia con Aleix Espargaro (che ha terminato con il quinto tempo) e la totale assenza delle KTM che, come migliore piazzamento, raccolgono la decima posizione con Oliveira.

motogp.com

La MotoGP torna in pista oggi pomeriggio per la seconda sessione di Prove Libere del Gran Premio di Catalogna.

Seguici su Telegram

Moto2 | Tampone negativo per Martin: tornerà in pista a Barcellona.

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico