MotoGP | Gran Premio del Qatar – Cronaca LIVE della gara di Losail: Maverick Vinales torna a vincere. Incredibile finale tra Bagnaia, Zarco e Mir

Joan Mir vince il Gran Premio del Qatar di MotoGP dopo una gara condotta magistralmente nella seconda metà. Finale al fulmicotone tra Mir, Zarco e Bagnaia che, a sorpresa, conquista il podio. In grande difficoltà le Petronas di Rossi e Morbidelli.

Credits: Twitter

Segui con noi la cronaca LIVE del GP Qatar MotoGP. La prima gara stagionale del Mondiale MotoGP è proprio il Gran Premio del Qatar. La tappa nel Golfo Persico inaugura da anni la stagione e, dal 2008, si disputa nella suggestiva cornice notturna.

A scattare dalla Pole Position sarà Bagnaia. Il pilota di Chivasso ha segnato una grande prestazione alla sua prima qualifica con la Ducati ufficiale. Insieme a lui, partiranno in prima fila Fabio Quartararo e Maverick Vinales. Le Yamaha ufficiali precedono un sorprendente Valentino Rossi. Il Dottore, dopo delle Prove Libere abbastanza anonime, ha fatto un grande Q2 dove, per pochi centesimi, ha mancato la prima fila. Un percorso direttamente opposto lo ha compiuto Aleix Espargaro con la sua Aprilia. Lo spagnolo, dopo essere stato sempre tra i migliori nelle sessioni del venerdì, nella giornata di ieri ha avuto un drastico calo che lo ha portato a navigare intorno alla decima posizione. Chi, invece, non ha mai avuto un vero acuto in questo weekend è stato Joan Mir. Il campione del mondo in carica è stato sempre fuori dalla lotta per i migliori piazzamenti e ha sempre perso 4 decimi nell’ultimo settore rispetto alle Ducati.

Non sarà in pista Marc Marquéz. L’otto volte campione del mondo, che manca a un Gran Premio dal GP di Andalusia 2020, ha preferito seguire il consiglio dei medici e non prenderà parte ad almeno le prime due prove del mondiale 2021.

Cronaca LIVE GP Qatar MotoGP


18:50 – Amici di F1inGenerale, Buonasera e benvenuti alla Cronaca LIVE del GP del Qatar di MotoGP! La gara si preannuncia appassionante, con Yamaha e Ducati pronte a darsi battaglia. Inoltre, attenzione a un ritrovato Valentino rossi…

18:51 – In Moto2, un grande Sam Lowes conquista la prima gara stagionale davanti a Gardner e un super Di Giannantonio che, alla prima gara senza Fausto, porta il team Gresini sul podio. Solo quarto Marco Bezzecchi.

18:53 – in Moto3, invece, è stato Jaume Masia a vincere e a tenersi alle spalle un grande debuttante come Acosta e l’ottima Honda di Binder. Gli italiani devono accontentarsi del sesto posto di Niccolò Antonelli.

18:56 – Le condizioni meteo sono di gran lunga migliori di quelle che ci si aspettava. Il vento si è calmato rispetto all’inizio della gara di Moto2 e le temperature, per le medie qatariote, sono basse. I piloti, tuttavia, dovranno stare attenti alla sabbia presente fuori dalla traiettoria ideale.

18:58 – Si parte con il giro di ricognizione. La gara sarà di 22 giri sul circuito con il più lungo rettilineo. La pista misura quasi 5km e mezzo.

19:00 – i piloti rientrano sulla griglia di partenza.

Giro 1 – Partiti! Si impenna Bagnaia ma scatta bene. Parte a missile Miller che si mette subito dietro al compagno di squadra. Partite malissimo le Yamaha che si vedono sorpassate dalle due Pramac e dall’Aprilia di Espargaro.

Giro 1 – Cade subito alla 2 Petrucci. Il pilota sta bene ma è costretto al ritiro.

Giro – 2 Zarco si prende l’interno su Miller e si mette secondo.

Giro – 2 Va in crisi l’Aprilia. In un solo giro Espargaro perde le posizioni sulle tre Yamaha e sulle due Suzuki. Ora lo spagnolo è decimo.

Giro 3 – Qualche problema per Morbidelli. Il pilota Petronas perde subito tante posizioni alla partenza e ora naviga in diciannovesima posizione. Nel mentre, dopo un buon avvio, Martin viene sorpassato dalle due Yamaha ufficiali e scivola in sesta posizione.

Giro 4 – Sul rettilineo Rossi viene superato dalle due Suzuki e retrocede in nona posizione.

Giro 4 – In avanti, Bagnaia sta mettendo un grande ritmo grazie a delle traiettorie molto morbide. Il pilota ufficiale gode di 6 decimi di vantaggio su Zarco che, a sua volta, ha un vantaggio di 2 decimi sul gruppo di Miller, Quartararo, Vinales (che segna il giro veloce in 1.54.6), Martin, Rins e Mir.

Giro 5 – Martin è alle prese con la difesa dagli attacchi delle due Suzuki e sta affrontando lo scontro con la giusta cattiveria agonistica che lo contraddistingue.

Leggi anche:

Giro 6 – Zarco ha abbassato il ritmo e si è messo a ricucire su Bagnaia. Ora il pilota di Chivasso ha solo 4 decimi di vantaggio sul francese di Pramac.

Giro 6 – Quartararo approfitta delle traiettorie più strette della Yamaha rispetto alla Ducati e si mette davanti all’australiano che gli risponde sul rettilineo sfruttando il motore. Tuttavia, Quartararo tira la staccata della vita e si mantiene in terza posizione.

Giro 7 – Alla nove Nakagami va sul cordolo, perde l’anteriore e cade. Per lui gara finita.  Il giapponese navigava intorno alla dodicesima posizione.

Giro 8 – Anche Vinales infila agilmente un Miller che appare in seria difficoltà con la gestione delle gomme.

Giro 8 – Sbaglia qualcosa Valentino Rossi. Il Dottore, in una sola curva, perde la posizione su Aleix Espargaro e Oliveira.

giro 9 – Vinales ne ha di più del Diablo e ambisce alla terza posizione. Lo spagnolo deve fare però i conti con le grandi staccate del compagno di squadra.

Giro 10 – Rins sta preparando il sorpasso su Miller che sembra aver, però, trovato nuovamente feeling con le gomme Michelin.

Giro 10 – Alla quindici arriva il sorpasso di Rins. L’australiano, in trazione in uscita alla curva successiva, restituisce la posizione.

Giro 11 – Alla uno arriva finalmente il sorpasso di Vinales su Quartararo. Il francese sembra in leggera crisi, mentre il compagno di squadra si è subito accodato a Zarco.

Giro 12 – Manco il tempo di dire che Miller è in crescita e che Quartararo è in crisi, che l’australiano di Ducati si prende la quarta posizione proprio ai danni del pilota Yamaha

Giro 12 – Nell’ultimo settore succede di tutto! Vinales sorpassa Zarco e va subito all’attacco di Bagnaia. Quartararo, invece, è sempre più in crisi nera e viene sorpassato anche da Rins.

Giro 13 – Bagnaia cerca di resistere con le unghie e con i denti agli attacchi di Vinales nella parte più guidata del circuito. Rossi, invece, è sceso fino alla sedicesima posizione. Il nove volte campione del mondo accusa la totale mancanza di ritmo gara.

Giro 14 – Vinales ci sta provando in tutti i modi a sorpassare Bagnaia che sta staccando fortissimo a ogni curva e, in percorrenza, sta sfruttando in modo maestrale la potenza del suo motore Desmodromico.

Giro 14 – Mentre Alex Marquez cade alla sette, Rins  tenta il sorpasso su Miller, ci riesce, ma Miller gli risponde egregiamente sul rettilineo.

Quindicesimo giro – Ce la fa Vinales a prendere Bagnaia. Ora dovrà fare un miracolo per tenersi dietro la Ducati sul rettilineo.

Giro 16 – Non arriva la risposta di Bagnaia. Ora Vinales ha un giro per allungare il giusto per evitare di entrare nel mirino del super motore Ducati. Allo stesso tempo, Rins sta apparecchiando la tavola per il sorpasso su Zarco, e per l’ingresso nel podio.

Giro 16 -Mir non vuole essere da meno e sorpassa agevolmente Miller.

Giro 17 – Bagnaia è entrato in crisi con le gomme. Sul rettilineo viene facilmente sorpassato da Zarco e, subito dopo, viene messo sotto attacco dai due piloti Suzuki che girano in pattuglia.

Giro 18 – Bastianini sta facendo una signora gara e si è attestato in decima posizione.  Nel mentre, Mir inizia a pensare al sorpasso sul compagno di squadra che fatica a superare un Bagnaia in difficoltà, ma che si difende con le unghie e con i denti.

Giro 18 – Prontamente, nelle ultime curve del diciottesimo giro, Mir rompe gli indugi, va all’interno di Rins e si mette a caccia di Bagnaia.

Giro 19 – Si stanno abbastanza cristallizzando le prime due posizioni. Vinales, entrato nella sua comfort zone, comanda con un secondo e mezzo di vantaggio su Zarco che, a sua volta, ha otto decimi di vantaggi sul duo Bagnaia-Mir che girano francobollati.

Giro 20 – Rins ha accusato il colpo del sorpasso di Mir, che nel mentre sorpassa Bagnaia, e subisce anche il sorpasso di Quartararo. In crisi anche Miller che viene sorpassato in breve tempo dai fratelli Espargaro che sono stabili in ottava e nona posizione.

Giro 21 – Mir è a dir poco scatenato. Dopo aver superato Bagnaia, il campione del mondo ha già messo nei mirini Zarco dopo solo due settori. Lui e Vinales sono gli unici a girare ancora con i tempi dei primi giri.

Giro 22 – Inizia L’ultimo giro con Mir attaccato a Zarco che tiene duro e si difende.

Giro 22 – Mir si prende la posizione alla quindici ma, per resistere alle Ducati, frena tardi alla sedici e va lungo. Con le gomme sulla sabbia, perde in trazione e subisce il sorpasso in scia di Bagnaia e Zarco.

19:44 – Maverick Vinales vince il Gran Premio del Qatar! A seguirlo, totalmente a sorpresa, Zarco e Bagnaia.

19:45 – Grande amaro in bocca per Mir che perde il podio all’ultimo giro. Non si può definire insoddisfatto Fabio Quartararo che, dopo essere andato in crisi, risale fino alla quinta posizione, chiudendo davanti a Rins.

19:47 – A chiudere la top ten troviamo Aleix Espargaro, Pol Espargaro, un deludente e mai in palla Miller, e uno straordinario Bastianini.

19:48 – Non può che essere considerata deludente la gara delle Yamaha Petronas. Sia Morbidelli che Rossi hanno sicuramente accusato qualche problema di motore/elettronica che non ha permesso a loro di poter avere del ritmo durante l’intera gara.

19:49 – Termina qui la cronaca LIVE del GP del Qatar di MotoGP. La MotoGP tornerà in pista il prossimo weekend per la seconda tappa sul circuito di Losail. L’invito è quello di rimanere aggiornati con F1inGenerale per leggere le dichiarazioni del post gara di tutti i protagonisti della gara!

Seguici su Telegram

Quote scommesse MotoGP 2021: Marquez sì, o Marquez no?

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico