MotoGP | Gran Premio di San Marino – Sintesi FP1: Vinales ruba il miglior tempo a Quartararo. Solo quattordicesimo Dovizioso

Dopo un lungo duello con il suo futuro compagno di squadra, Maverick Vinales conquista il miglior tempo nelle FP1 del Gran Premio di San Marino. Prestazioni opache dei due piloti ufficiali di Ducati che rimangono fuori dalla top ten.

Foto: profilo Twitter @mvkoficial12

La MotoGP torna in pista dopo 3 settimane di pausa, e lo fa con il Gran Premio di San Marino. I due GP in terra austriaca hanno lasciato una lunga scia di polemiche che coinvolgono la commissione gara. Infatti, si criticano fortemente le decisioni prese dai commissari in occasione di diversi incidenti in Moto2 e MotoGP, e in occasione della caduta di Masia nelle ultime qualifiche di Moto3.

La classifica generale non vede cambiamenti in vetta. Quartararo, nonostante non abbia fatto segnare delle buone prestazioni nelle due prove austriache, è ancora leader del mondiale con tre punti di vantaggio su Dovizioso. Nonostante 14 punti di distacco dalla vetta, rimane sicuramente in corsa per il mondiale Jack Miller. L’australiano si sta preparando al meglio per l’approdo in Ducati ufficiale.

Il doppio round in terra romagnola sarà molto importante anche per il mercato piloti. Si attendono le conferme ufficiali per Valentino Rossi in Yamaha Petronas, e per il ruolo di futuro compagno di squadra di Miller nel team Ducati Corse.

Nel Gran Premio di San Marino torna in pista Francesco Bagnaia. Il pilota di Chivasso, nonostante qualche problema, ha dato dei buoni feedback durante un test con una moto stradale, e sarà in pista in questo weekend. Non sarà in pista, invece, Marc Marquéz; lo spagnolo ha preferito seguire un lento percorso di recupero dopo la rottura della placca inserita in seguito alla rottura dell’omero. A sostituirlo, come nei precedenti GP, ci sarà Stefan Bradl.

Sintesi FP1 MotoGP


Come ormai d’abitudine, Le KTM partono subito forte con Pol Espargaro che riesce subito a segnare un tempo interessante. A togliere la scena alle KTM sono le Yamaha che, sia sul giro secco, che sul giro veloce, riescono a essere molto competitive. Appare in forma anche Jack Miller. Più indietro il passo di Suzuki, delle Ducati clienti, e delle Yamaha di Rossi e Morbidelli.

Il migliore in pista sembra essere proprio il Leader del mondiale Fabio Quartararo. Il francese ha bisogno di rilanciarsi dopo le prestazioni opache in Repubblica Ceca e Austria. La situazione è inversamente proporzionale nel box di Dovizioso. Il tre volte vice – campione del mondo non riesce a far comportare la moto come vorrebbe. Solo verso la fine della sessione, il forlivense segna un tempo che lo fa entrare nella top ten.

Il finale di sessione è ad appannaggio del duello, a suon di giri veloci, tra Quartararo e Vinales. I due hanno monopolizzato le prime due posizioni. A spuntarla, al termine della sessione, è Maverick Vinales, che mette ben mezzo secondo tra lui e il francese di Petronas.

Sono degne di nota le prestazioni di Aprilia con le gomme più morbide. Aleix Espargaro termina la sessione con il terzo tempo, Bradley Smith con il quinto. In mezzo alle due Aprilia si attesta Johann Zarco che, come i due piloti della casa italiana, ha segnato il tempo a fine sessione con gomme soft.

Joan Mir, dopo una sessione in cui ha dimostrato di essere la migliore Suzuki in pista (Rins ha terminato la sessione con il sedicesimo tempo), ha perso qualche posizione per via dei piloti che hanno tentato il giro di qualifica con le gomme morbide. Stessa situazione per Miller che termina le FP1 con il settimo tempo, davanti a Crutchlow ed Espargaro. Le restanti due Yamaha hanno segnato l’undicesimo e dodicesimo crono. La sessione delle due Ducati ufficiali termina con il quattordicesimo tempo, segnato da Dovizioso, e il diciassettesimo, segnato da Petrucci.

Motogp.com

La MotoGP tornerà in pista oggi pomeriggio per la seconda sessione di Prove Libere. Continuate a seguire F1inGenerale per tutti gli aggiornamenti.

Seguici su Telegram

MotoGP | Petronas smentisce l’interessamento per Dovizioso. Ora si attende l’ufficialità di Rossi

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico