MotoGP | Gran Premio di Stiria – Sintesi Qualifiche: Pol Espargaro regala a KTM la prima Pole in MotoGP. Rossi Partirà quindicesimo

Pol espargaro si prende la Pole Position del Gran Premio di Stiria di MotoGP. Per la KTM è la prima Pole Position nella classe regina. Partirà solo quindicesimo Rossi.

Foto: profilo Twitter @polespargaro

Le qualifiche del Gran Premio di Stiria si sono svolte con l’incognita del tempo. La pioggia è attesa per le qualifiche di Moto2. Nessun problema per le qualifiche di Moto3 che si sono svolte sull’asciutto.

La seconda sessione di Moto3 e le sessioni di MotoGP e Moto2 sono state posticipate per permettere la pulizia della pista dall’olio motore lasciato da Jaume  Masia nel corso della prima sessione di qualifiche della classe minore.


Sintesi Qualifiche Gran Premio di Stiria

Q1 Moto3

I tempi combinati delle sessioni di Prove Libere ha costretto a passare per la Q1 piloti di livello come Masia, Antonelli, Darryn Binder, Oncu (che ha fatto un’ottima gara domenica scorsa), Fenati e Migno.

A metà della prima sessione di Qualifiche arriva una caduta che coinvolge Kofler e Migno. Entrambi i piloti, soccorsi dai marshall, riprendono la strada per i box. Il contatto tra i due piloti è stato prontamente messo sotto investigazione dalla commissione gara.

Prima dell’inizio del secondo time attack, i piloti che si sono posti virtualmente in Q2 sono Masia, Antonelli, Sasaki e Binder.

Nel secondo time attack cade Jaume Masia. Lo spagnolo, nonostante la caduta, riesce a mantenere la prima posizione e a qualificarsi per il Q2. Gli altri piloti che seguiranno Masia nella seconda sessione sono: Antonelli, Oncu e Darryn Binder. Rimangono esclusi, tra gli altri, Riccardo Rossi, Romano Fenati, Andrea Migno e Alonso Lopèz.

L’inizio della Q2 è stato ritardato per via dell’olio perso dalla moto di Jaume Masia che, per non perdere tempo nella seconda sessione, è ripartito e ha raggiunto i box spargendo il lubrificante lungo tutta la pista. L’olio in pista ha causato una caduta a Davide Pizzoli e ad Andrea Migno.

Durante lo stop per pulire la pista, arriva l’investigazione per Masia che, insieme ad aver sparso olio in pista, ha percorso la pista senza carena e senza indossare i guanti. A un minuto dalla riapertura della Pit Lane, è arrivata la comunicazione della Commissione Gara che sancisce la squalifica del pilota dalla Q2.

Q2 Moto3

Il Q2 inizia con i piloti che vanno molto cauti nell’approccio alla seconda metà del circuito. Di fatto, la seconda sessione ha avuto una durata dimezzata, con i piloti che hanno segnato giri veloci solo partire dalla seconda metà della sessione.

Dopo una qualifica “sprint”, Gabriel Rodrigo si prende la Pole Position del Gran Premio di Stiria. Il pilota di Gresini torna nella prima casella della griglia di partenza dopo Catalogna 2019. A seguire lo spagnolo troviamo Raùl Fernandèz, Suzuki, Arbolino e Vietti. Quest’ultimo ha perso la Pole per colpa di un errore in curva 4. Dietro al pilota del team VR 46 si classificano McPhee, Forggia e Ogura. Qualifiche deludenti per Arenas che partirà dalla nona casella, e per Antonelli che scatterà quindicesimo.

motogp.com

Q1 MotoGP

La terza sessione di Prove Libere di questa mattina ha consegnato Joan Mir davanti a tutti nella classifica combinata dei tempi. Le FP3 non hanno fatto bene a Jack Miller che, autore di una caduta, sta soffrendo di un forte dolore alla spalla. L’australiano, portato alla clinica mobile, ha preso degli antidolorifici e tenterà di prendere parte alle qualifiche. Al termine, il pilota si recherà in ospedale per fare delle ulteriori analisi. Farà le qualifiche anche Johann Zarco. Nonostante la sua partecipazione, il francese di Avintia domani partirà dalla Pit Lane per via della penalità inflittagli per aver causato l’incidente con Morbidelli settimana scorsa.  Le FP3 condannano alla Q1  Binder, Zarco, Petrucci, Lecuona, Rossi, Crutchlow, Smith, Pirro, Aleix Espargaro, Marquéz, Bradl e Rabat.

Nelle FP4 che hanno anticipato le Qualifiche brilla Takaaki Nakagami. Il giapponese di LCR si tiene dietro un’insidiosa Suzuki pilotata da Mir.

Il primo tempo della Q1 lo segna Aleix Espargaro. Il pilota Aprilia gira in 1.24.643. Il suo tempo viene, però, subito battuto da Iker Lecuona e, successivamente, da la quasi totalità dei piloti in pista.

Il primo tentativo stint termina con Danilo Petrucci detentore del miglior tempo con un giro percorso in 1.24.158. A fargli, momentaneamente, compagnia nel passaggio in Q2 c’è Johann Zarco. A poter impensierire i due in testa ci sono Brad Binder e Valentino Rossi. Il dottore è molto competitivo nei primi due settori, ma perde davvero tanto nel terzo.

Valentino Rossi è il primo pilota a lanciarsi nel secondo stint di questa Q1. Il nove volte campione del mondo limita i danni nel terzo settore e chiude in 1.24.127, che gli permette di prendersi la vetta della classifica. Viene subito scalzato da Binder che segna un giro migliore di due decimi.

Sorprendente Lecuona che, a un minuto dal termine, si mette davanti a tutti in 1.23.928. Ancora meglio fa Zarco che migliora il miglior tempo di oltre tre decimi.  Rossi, che stava per inserirsi tra Zarco e Lecuona, cade alla nove e deve dire addio alle speranze di entrare in Q2. Il pesarese partirà domani in quindicesima posizione.

Sul filo del rasoio interviene Petrucci che chiude l’ultimo giro utile a un solo decimo dal tempo di Zarco, qualificandosi per la seconda sessione di Qualifiche.ù

Q2 MotoGP

Il primo a lanciarsi nella Q2 è Maverick Vinales. Tuttavia, il grande traffico complica notevolmente il lavoro ai primi piloti che sono usciti dalla Pit Lane. Dopo il primo giro di assestamento, i piloti iniziano a segnare i giri veloci. Il primo a segnare un buon giro è Quartararo che chiude il giro in 1.23.866.

A migliorare il tempo di Quartararo è, ancora una volta, Pol Espargaro, che si migliora di due decimi. A toglierli subito la Pole ci pensa Nakagami che migliora il miglior giro di 4 centesimi.

Il primo stint si conclude con Nakagami, Espargaro e Quartararo in prima fila virtuale. Dietro di loro si sono classificati Vinales, Oliveira e Zarco.  Non hanno sfruttato al massimo il primo stint Morbidelli, le Suzuki, e le Ducati. Vistose le difficoltà per Miller e Dovizioso che non stanno trovando il feeling con la loro Desmosedici.

Il secondo stint lo inaugura Mir che, dopo un giro quasi perfetto, perde oltre 4 decimi nell’ultimo settore e non migliora il suo ottavo tempo parziale.

Inizia benissimo il secondo tentativo Pol Espargaro, che si riprende la vetta classifica con un giro percorso in 1.23.580. Si migliora anche Dovizioso che sale dall’undicesima alla sesta posizione.

Nell’ultimo tentativo nessuno riesce a mettere in discussione la Pole Position di Pol Espargaro. Lo spagnolo di KTM partirà dalla prima casella nel Gran Premio di Stiria di domani. Con lui, in prima fila, ci saranno Nakagami (a cui è stato cancellato il giro che gli avrebbe regalato la prima posizione) e Joan Mir. Degna di nota, anche se non valida al fine di stilare la griglia di partenza, la prestazione di Zarco che ha segnato il terzo tempo assoluto. La seconda fila sarà composta da Miller, Vinales e Rins. Solo a seguire partiranno Oliveira, Dovizioso, Quartararo e Morbidelli.

Pol Espargaro torna in Pole Position dal lontano 2013 dove la fece in Moto2. Per KTM, invece, è la prima Pole Position in MotoGP. Anche la seconda posizione di Nakagami ha valore statistico: Il giappone torna in prima fila dal lontano 2003 dove partì in prima fila Nakano.

motogp.com

Seguici su Telegram

MotoGP | Misano apre al pubblico: ecco prezzi e informazioni per l’acquisto o il rimborso dei biglietti

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico