MotoGP | Marquez fuori per almeno altri due o tre mesi: addio sogno Mondiale

La Honda comunica che Marc Marquez non tornerà in pista finché non si sarà completamento ripreso dall’infortunio, ovvero non prima di 2/3 mesi. Addio sogno di rimonta Mondiale per lo spagnolo. marquez rientro infortunio

marc marquez infortunio rientro operazione spalla caduta 2020 mondiale motogp
motogp.com

Repsol Honda e Marc Marquez annunciano di non voler affrettare il rientro di Marquez; e di preferire quindi che lo spagnolo si riprenda al cento per cento prima di tornare in pista. Questo vorrà dire che Marquez non gareggerà per altri 2 o 3 mesi. marquez rientro infortunio

L’otto volte Campione del Mondo Marc Marquez, insieme ad HRC, ha consultato e confrontato le opinioni di alcuni specialisti in merito all’infortunio all’omero del braccio destro che ha subito al GP inaugurale della stagione 2020 di MotoGP, a Jerez. Di conseguenza, tutte le parti hanno deciso di modificare il processo di recupero pianificato inizialmente.

L’obiettivo di Marquez è quello di tornare a correre in MotoGP solamente quando il braccio si sarà completamente ripreso dal grave infortunio occorso a Jerez. Si stima che ci vorranno dai due ai tre mesi prima che lo spagnolo possa tornare in pista sulla sua Honda. HRC non ha fissato un Gran Premio per il ritorno del suo pilota di punta, e continuerà a riferire sull’evoluzione del suo recupero.

Le parole di Alberto Puig, Team Manager Repsol Honda:

“Si è parlato molto del recupero di Marc e delle varie scadenze, ma dal primo giorno dopo la seconda operazione abbiamo detto che l’unico obiettivo che esiste è che sia al cento per cento. Non vogliamo metterci fretta. Una volta che Marc sarà in grado di tornare e di competere al livello a cui è abituato, allora penseremo al prossimo obiettivo”.

Addio sogno rimonta Mondiale

Ci ha sperato, Marc Marquez, ma questa volta è dovuto arrendersi. Il rientro nella prima delle due gare di Misano, come inizialmente preventivato, gli avrebbe permesso di provare una super rimonta. E visto quanto aperto è il Mondiale 2020, non sarebbe stato nemmeno così impossibile, almeno provarci. Col senno di poi, forse non è stata una grande scelta quella di provare a tornare subito alla seconda gara di Jerez, a pochi giorni dall’infortunio, e con conseguente seconda operazione. Senz’altro la prossima stagione tornerà ad essere il favorito, ma almeno per quest’anno dovrà seguire i suoi colleghi dal divano di casa.

Cliccate qui per seguire tutti gli aggiornamenti del Motomondiale sul nostro canale Telegram!

MotoGP | Ducati: ecco i nomi dei candidati per sostituire Dovizioso nel 2021

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1