MotoGP | I retroscena del caso Joe Roberts-Aprilia

Il 23enne americano Joe Roberts sembrava essere ormai ufficializzato come pilota Aprilia per il 2021 dopo il GP di Portogallo. Tutto è sfumato all’ultimo momento, stando alle parole del manager Eitan Butbul.

joe roberts aprilia

Dopo la salata squalifica di Andrea Iannone da parte di WADA la seconda sella del team Aprilia Racing era rimasta libera. Da qui la casa di Noale è dovuta correre ai ripari, offrendo contratti a più piloti del paddock della MotoGP e non solo. Oltre ad Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow, Massimo Rivola ha considerato anche il veterano della Superbike Chaz Davies. Dopo aver ottenuto il più classico dei “due di picche”, gli occhi del gruppo Piaggio si sono spostati alla Moto2. Marco Bezzecchi era la prima scelta, ma il pilota forte del rinnovo con SKY Racing Team VR46 ha rifiutato la chiamata in MotoGP.

L’opzione più gettonata sembrava allora il pilota del team American Racing Joe Roberts, il quale arrivava da un’ottima annata, dopo un 2019 complicato. La chiamata di una casa ufficiale MotoGP è sicuramente il sogno di ogni pilota, ma bisogna valutare bene tutte le circostanze. Roberts era già stato messo sotto contratto dal team Italtrans al posto del campione della categoria Enea Bastianini. Così l’americano, dopo molte trattative, all’ultimo momento ha fatto diètro frónt, decidendo di rimanere con il team italiano nella classe di mezzo.

Il manager del pilota, Eitan Butbul, ha parlato ai microfoni di “The Race“, bacchettando il proprio assistito per la scelta fatta: “Quella di Aprilia era una grande opportunità: era tutto pronto, il pilota doveva solo firmare, ma all’ultimo momento ha rifiutato.”

Secondo alcune voci, Roberts si sarebbe confrontato con alcuni piloti MotoGP a Portimao, tra i quali anche Andrea Dovizioso, che aveva già rifiutato l’offerta di Aprilia. Proprio i consigli dei piloti più esperti hanno convinto il 23enne californiano a rifiutare la chiamata nella Top Class.

“Sappiamo che Joe Roberts vuole stare in Moto2 per vincere il campionato, ma è vero che la chiamata da un team ufficiale in MotoGP non arriva tutti i giorni, specialmente se è appena entrato nella top 10 del campionato.”

Senza dubbio la scelta di rimanere nel campionato Moto2 mette molta pressione sul giovane ragazzo: “Penso che la scelta di rimanere in Moto2 possa mettere pressione a Roberts, ora tutti si aspettano che lui vinca. Alla fine la scelta è del pilota, quindi solo il futuro ci dirà se la scelta sarà azzeccata.”

Con nessuna opzione rimasta, Aprilia ha deciso di tenere sia Lorenzo Savadori che Bradley Smith. Il team veneto deciderà solo dopo i test invernali chi sarà ad affiancare Aleix Espargaro sulla RS-GP.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Vinales commenta la sua stagione 2020: “Un disastro, la peggiore della mia carriera”

Aggio Valentino

19 anni, amante di MotoGP e Superbike.