MotoGP | Jarvis: “Nel 2021 l’affidabilità del motore non sarà un problema”

Dopo i problemi del 2020, la Yamaha è fiduciosa per l’affidabilità del suo motore per la stagione 2021 di MotoGP.

yamaha motore 2021
Foto: Sky Sport MotoGP

Nel corso della stagione 2020 la casa di Iwata ha dovuto fare i conti con diversi problemi al quattro cilindri in linea della sua M1, che ha causato ritiri per alcuni dei suoi piloti. Durante le due gare corse sul circuito di Jerez de la Frontera sia Valentino Rossi che Franco Morbidelli hanno dovuto abbandonare la corsa a causa di un problema al motore. Maverick Vinales, durante la stagione, ha dovuto utilizzare un motore in più rispetto ai cinque messi a disposizione dal regolamento, essendo uscito dal week end spagnolo con sole due unità rimaste. Gli altri piloti, invece, hanno terminato la stagione rimanendo nel limite dei motori consentiti ma in condizioni limite. Ciononostante Yamaha ripone fiducia nel motore con la quale disputerà la stagione 2021 del Motomondiale.

La casa giapponese dopo attente analisi ha dichiarato che il problema era dovuto ad un lotto di valvole difettoso, proveniente da un fornitore differente da quello normalmente utilizzato. Nonostante il disegno dei componenti fosse lo stesso, la mossa non era consentita dal regolamento e questo ha portato ad una penalizzazione in classifica costruttori, escludendo la Yamaha dalla lotta per il titolo costruttori.

Le dichiarazioni di Lin Jarvis

Sui problemi tecnici di questa stagione è tornato il capo della Yamaha Lin Jarvis che si è detto fiducioso per quanto riguarda l’affidabilità del motore della M1 per la stagione 2021. Per la stagione 2021 siamo fiduciosi dei nostri motori per l’affidabilità che hanno mostrato, con le valvole giuste,  durante questa stagione. Il regolamento dice che dobbiamo continuare ad utilizzare questi motori il prossimo anno. Ci manca sempre un po’ di potenza, ma dobbiamo aspettare il 2022 per poter sviluppare il motore.”


In merito alla questione del dipartimento motori e al suo cambio di organizzazione Lin Jarvis ha commentato così: “Abbiamo cambiato l’organizzazione all’inizio di quest’anno. Non mi aspetto grandi cambiamenti per il futuro, non nell’immediato. Ma penso che l’errore commesso quest’anno sia stato fatto a metà dell’anno scorso.”

“Penso che, se parliamo del nostro motore, a parte il problema avuto con le valvole, esso sia stato particolarmente affidabile per il resto della stagione. Alcuni dei nostri motori hanno fatto 3000km, il che è straordinario. Abbiamo fatto questo poiché abbiamo dovuto mettere da parte un lotto di motori. Penso che per il futuro dovremo prestare più attenzione ai dettagli, in termini di qualità dei componenti, di regolamento e alla preparazione per la stagione.”

 

Rimani aggiornato sul Mondo della MotoGP seguendoci sul canale Telegram dedicato.

MotoGP | Petrucci e Ducati: “Contento che mi abbiano licenziato in quel momento”