MotoGP | Jorge Lorenzo: “Il ritorno di Rossi in Yamaha è dipeso da me”

Il cinque volte campione del mondo Jorge Lorenzo continua ad essere al centro della scena. Il maiorchino parla della fine del 2012.

Jorge Lorenzo

Negli ultimi anni, il paddock della MotoGP è stato bombardato dai commenti di Jorge Lorenzo, specialmente dopo il ritiro dello spagnolo a fine 2019. Dopo la diatriba con Cal Crutchlow tra la fine della scorsa stagione ed i test appena conclusi in Qatar, il “Por Fuera” torna all’attacco. In un’intervista alla testata spagnola El Mundo, il #99 ha voluto toccare un tasto dolente per la maggior parte dei tifosi: Valentino Rossi. Più precisamente, Lorenzo torna alla fine della stagione 2012, ormai nove anni fa. Dopo due stagioni deludenti in Ducati, Valentino Rossi annuncia il ritorno nel team ufficiale Yamaha, al fianco del neo-campione del mondo Lorenzo. Più volte Rossi nel corso degli anni ha dichiarato che in quel periodo aveva seriamente pensato al ritiro dalle competizioni.

“Nel 2012 ero la punta di diamante in Yamaha ed ero vicino al mio secondo titolo mondiale in MotoGP. In quel momento ero davvero importante per loro e avrebbero esaudito ogni mia richiesta. Se avessi deciso di mettere una clausola sul mio contratto per evitare Rossi nel team, lui probabilmente avrebbe appeso il casco al chiodo. Magari ora sarei ancora il pilota di punta in Yamaha se le cose fossero andate diversamente.”

Dopo quattro anni di convivenza, dal 2013 al 2016, è proprio Lorenzo a lasciare la casa del Diapason. Dopo il titolo del 2015, l’annata successiva è l’ultima per Lorenzo con Yamaha, prima di passare a Ducati. A seguito dei molti problemi nella prima stagione della sua nuova avventura, Lorenzo conquista ben tre vittorie nel 2018, trovando finalmente il feeling sperato con la Desmosedici. Alla fine dello stesso anno lo spagnolo decide di cambiare ancora, tornando in sella ad una moto giapponese: la Honda. La stagione successiva però è l’anno peggiore della carriera di Lorenzo, che chiude 19° il campionato con solo 28 punti a suo nome. Prima del Gran Premio della Comunità Valenciana Lorenzo annuncia il ritiro dalle corse, diventando tester Yamaha.

Al contrario, Rossi rimane in Yamaha fino al 2020, quando si accasa al team Petronas per la stagione 2021 al fianco di Franco Morbidelli, allievo e amico vice-campione del Mondo. Sempre nella stessa intervista, Lorenzo parla anche di Marc Marquez e del recupero dall’infortunio che lo ha tenuto lontano dalle corse per quasi un anno. Il penta-campione sottolinea come sia stato sbagliato far tornare il connazionale in pista solo una settimana dopo la caduta, paragonando la scelta ad un’esperienza personale.

“Ho fatto la pazzia più grande della mia carriera correndo ad Assen nel 2013 dopo l’intervento alla clavicola. Non avrebbero dovuto lasciarmi correre: né me, tanto meno a Marc. Siamo degli atleti che corrono in sella ad una moto e ci sentiamo protetti perché il nostro non è uno sport di contatto, ma quando cadiamo c’è un grosso rischio di farsi male.” 

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Analisi di inizio stagione: Avintia sempre più vivaio di Ducati

Aggio Valentino

19 anni, amante di MotoGP e Superbike.