MotoGP | La battaglia di Fausto Gresini contro il Coronavirus

Ripercorriamo assieme la malattia di Fausto Gresini contro il Coronavirus, rivivendo anche i successi sportivi.

Fausto Gresini

Una delle poche notizie venute a galla sotto le feste per quanto riguarda la MotoGP è la positività al Coronavirus di Fausto Gresini. Poco prima del giorno di Natale, il Team Manager di Gresini Racing ha contratto il Covid-19. Solo qualche giorno dopo Natale l’imolese è stato portato all’ospedale Santa Maria della Scaletta.

“A seguito della scoperta della positività al Covid-19, Fausto Gresini (dopo un primo periodo di isolamento domiciliare ad Imola) è stato trasferito all’ospedale Santa Maria della Scaletta il 27 Dicembre.”

Purtroppo solo dopo tre giorni i medici lo trasferiscono in una struttura più adatta.

“I medici hanno trasferito il Team Manager di Gresini Racing all’ospedale Maggiore Carlo Aberto Pizzardi a Bologna. Questa struttura è specializzata nelle cure contro il Covid-19.”

Le ultime notizie sulle condizioni del due volte campione del Mondo 125cc risalgono alla giornata di ieri, 1 Gennaio 2021.

“Le condizioni di Fausto Gresini stanno migliorando leggermente. Dopo l’arrivo a Bologna, a causa dei bassi livelli di saturazione dell’ossigeno nel sangue, Gresini è stato indotto in coma farmacologico. Oltre a ciò, il Team Principal ha ricevuto un’intubazione endotracheale, per aiutare la circolazione di ossigeno nel corpo. Nelle ultime ore i dottori hanno deciso di iniziare una lenta procedura di risveglio.”

Le condizioni di Fausto Gresini preoccupano tutto il paddock del motomondiale, che si stringe attorno a colui che fa parte della grande famiglia MotoGP da 38 anni. Il debutto di Gresini nel motomondiale arriva infatti il 30 Maggio 1982, al Gran Premio delle Nazioni classe 125cc, sul circuito di Misano Adriatico. Il ventunenne di Imola, in sella alla MBA parte 12° in griglia, ma è costretto al ritiro.

Il 1983 è l’anno del debutto a tempo pieno per Gresini, sempre in sella alla MBA. Il pilota conquista il primo podio iridato al penultimo appuntamento del campionato, sul circuito svedese di Anderstorp. Gresini porta a casa il secondo posto dietro allo svizzero Bruno Kneubühler (5 vittorie e 33 podi in carriera). Con 37 punti conquistati Gresini conclude 9° il campionato 125cc, ma questo non basta per la riconferma. MBA decide infatti di cedere il giovane italiano alla Garelli per la stagione ’84.

Dopo due quarti posti ed un podio a Silverstone, nel Gran Premio di Svezia Gresini vince la prima gara nel motomondiale. Gresini precede August Auinger ed il compagno Eugenio Lazzarini sul traguardo di ben tre secondi. Alla fine del campionato Gresini chiude al terzo posto in classifica mondiale.

Nel 1985 continua l’avventura con Garelli: dopo due secondi posti ed un ritiro, arriva la vittoria in Austria, seguita da altri tre podi e due vittorie. Con 109 punti all’attivo Fausto Gresini conquista il titolo mondiale 125cc, 10 punti davanti al connazionale Pier Paolo Bianchi.

Nel 1986 non arriva il bis iridato: Luca Cadalora precede di 8 lunghezze Gresini a fine campionato. Le quattro vittorie non bastano al campione in carica per riconfermarsi. Il 1987 è l’annata perfetta per Gresini: 10 vittorie su 11 gare per il pilota di Imola. 150 punti conquistati e secondo mondiale 125cc nel curriculum. Dopo alcuni anni pieni di infortuni, nel biennio 1991-92 Gresini torna competitivo, arrivando per due volte 2° nel mondiale, finendo due anni dopo la propria carriera da pilota.

Tre anni dopo inizia l’avventura come Team Manager in 500cc. Nel 2001 arriva il primo titolo mondiale in 250cc con Daijiro Kato, che ha vinto ben 11 Gran Premi quell’anno, prima della scomparsa nel 2003. Nel 2010 arriva il primo titolo in Moto2, al debutto della categoria. Toni Elias domina il campionato su Moriwaki, vincendolo con 271 punti. Il 2018 è l’anno del primo titolo in Moto3 con Jorge Martin dopo una lunga battaglia con Marco Bezzecchi. In MotoE al debutto della categoria vince il titolo con Matteo Ferrari nel 2019.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Gli auguri di Rossi da pilota Petronas SRT

Aggio Valentino

19 anni, amante di MotoGP e Superbike.