MotoGP | Marc Marquez, spaventosa caduta nella FP1 del GP di Thailandia

Brutta caduta per Marc Marquez, disarcionato dalla sua Honda con un brutto highside nella FP1 del GP di Thailandia. Il campione del mondo è stato portato in ospedale per accertamenti.

Credits: @davide_QV

Il weekend di Marc Marquez, che domenica potrebbe già laurearsi campione, non inizia certo nel migliore dei modi: brutta caduta nei minuti finali della FP1 del Gran Premio di Buriram, in Thailandia, lo spagnolo è finito violentemente a terra in seguito ad un brutto highside alla curva 7.

Il leader del campionato mondiale della classe MotoGP era fino a quel momento in vetta alla classifica dei tempi, nel corso delle prove libere 1 del GP di Thailandia, quindicesimo round iridato. Lo spagnolo si apprestava a provare un set di gomme nuove in sella alla sua Honda quando, nel rapido cambio di direzione dicurva 7, la moto ha;perso aderenza, provocando uno spettacolare highside che ha fatto volare in aria Marquez, spezzando letteralmente in due la moto nipponica.


Nell’impatto il pilota spagnolo non ha perso conoscenza, ma si è rialzato vistosamente dolorante e zoppicante sul lato sinistro, tanto da doversi appoggiare ai commissari di gara per raggiungere l’ambulanza. Dopo un primo controllo;al Centro Medico del circuito, i medici lo hanno caricato sull’ambulanza e trasportato all’ospedale di Buriram per controlli più approfonditi alla schiena e alla gamba sinistra. La sua Honda RC213V, invece, è andata completamente distrutta.


Marquez dichiarato “fit to continue”, torna in pista già nella FP2

La gravità della caduta aveva fatto pensare sin da subito ad un brutto infortunio. Nonostante ciò, gli esiti delle radiografie e dei vari esami dicono che il campione del mondo non ha riportato alcuna frattura. Marquez è, dunque, già tornato in pista nella FP2, girando su ottimi tempi nonostante per lo spagnolo resti ancora del dolore all’anca, alla schiena e alla gamba sinistra.

 

Seguici anche su Instagram

F2 | Correa: “Sfida fisica e mentale più dura di qualsiasi cosa abbia affrontato”

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1