MotoGP | Pierer boccia Dovizioso: “A 35 anni non è l’uomo giusto per KTM”

Il CEO del marchio austriaco, intervistato da SpeedWeek, pone un freno alle voci di una nuova trattativa tra KTM e Dovizioso per la prossima stagione. Per Pierer il pilota italiano è troppo “vecchio” e non rispetta il programma di crescita impostato da KTM. MotoGP Pierer Dovizioso

MotoGP Pierer e Dovizioso
Credit: profilo Instagram @andreadovizioso

La scorsa stagione, dopo l’annuncio dell’addio alla Ducati, molte voci di mercato avevano ipotizzato un futuro in KTM per Andrea Dovizioso. Dopo alcune giornate di trattative tre le due parti, confermate sia da KTM che dal manager del pilota italiano, non si è arrivati ad un accordo e KTM ha deciso di guardare ad altri piloti. MotoGP Pierer Dovizioso

Il pilota italiano, non convinto in seguito neanche dall’offerta dell’Aprilia, è rimasto così senza una sella per la stagione 2021, in attesa di una chiamata per tornare nel paddock del Motomondiale già dal prossimo anno.

Una chiamata che non arriverà sicuramente dalla KTM: la casa austriaca, rappresentata dal proprio CEO Stefan Pierer, ha infatti annunciato e ufficializzato come non avrà contatti in futuro con il pilota di Forlì.

Intervistato dal sito tedesco Sportweek, lo stesso Pierer ha chiarito i motivi per cui KTM non offrirà una sella a Dovizioso per la prossima stagione.

LE PAROLE DI STEFAN PIERER

“Il tema Dovizioso in questo momento non ci riguarda – ha esordito il CEO dell’azienda austriaca – è sicuramente un amico della nostra azienda, ma non negozieremo un contratto con lui per la MotoGP. Non posso escludere molto quando parlo di MotoGP, ma di questo ne sono certo.”

“La MotoGP sta subendo un cambio generazionale – ha proseguito Pierer – e KTM deve seguire questo trend. Preferiamo cercare giovani diamanti grezzi nel paddock e Dovizioso non è sicuramente l’uomo giusto a 35 anni. In un progetto giovane come il nostro vogliamo portare al successo piloti altrettanto giovani. Il sistema sembra funzionare come dimostrano Brad Binder e Miguel Oliveira.”

La strada tracciata da Pierer per il futuro della KTM sembra piuttosto chiara: l’obiettivo sono i giovani piloti. A dimostrazione di ciò anche il grande impegno che la casa austriaca mette nelle classe minori con la produttiva collaborazione, in atto da qualche anno, tra la KTM e il Team Ajo in Moto2 e Moto3.

Per Dovizioso invece sembra sempre più probabile e percorribile la strada che lo porterà verso il Team Aprilia. Dopo il test di Jerez, infatti, l’italiano scenderà nuovamente in pista con la moto di Noale per un secondo test che si svolgerà al Mugello il 10 e l’11 di maggio.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

UFFICIALE: Il Team VR46 entra in MotoGP dal 2022 grazie al nuovo sponsor saudita Aramco

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.