MotoGP | Presentata la nuova Suzuki per il Mondiale MotoGP 2021

È stata presentata la nuova Suzuki GSX-RR, che prenderà parte alla stagione 2021 di MotoGP. La moto 2021 dovrà coadiuvare Joan Mir nella lotta alla difesa del titolo mondiale 2020. Inoltre, sarà la prima presentazione senza Davide Brivio, passato in F1 con Alpine.

Suzuki 2021
Credit: Sky Sport

Alle 10 sono stati tolti i veli alla nuova Suzuki GSX 2021. La presentazione è avvenuta all’inizio della prima giornata effettiva di test ufficiali sulla pista di Losail.

Alla presentazione, per la prima volta dal ritorno di Suzuki in MotoGP, non sarà presente Davide Brivio. L’ex Team Principal, passato quest’anno al ruolo di Racing Director del team Alpine di F1, aveva comandato il team nipponico sin dal suo ritorno in MotoGP nel 2015.

L’ex manager di Rossi, ha costruito una squadra e un ambiente giovane, professionale e affiatato. Dopo aver lanciato la carriera in MotoGP di Maverick Vinales, da ormai tre anni il team si affida alla coppia Mir-Rins. Se Alex Rins ha dimostrato, nel 2019, di poter lottare con Marquéz in determinate condizioni (vedere GP di Silverstone), nel 2020 è stato Mir a, senza grandi exploit e puntando tutto sulla continuità di risultati, a portare a casa il Mondiale MotoGP.

Leggi anche:

MotoGP | Le prime foto della Aprilia RS-GP 2021

La vittoria del Mondiale 2020 per Suzuki non è stato un avvenimento da poco. Infatti, la vittoria iridata è giunta nell’anno del centenario (con livrea della moto speciale con più bianco e meno giallo) ed è stato il primo iride nella classe MotoGP. Infatti, l’ultimo trionfo mondiale di Suzuki risale al 2000 con Kenny Roberts JR. Lo statunitense vinse il suo unico mondiale a bordo di una RGV 500 nella penultima edizione del Mondiale 500.

La livrea era una delle cose più attese della presentazione. Dopo 5 campionati con una livrea quasi priva di sponsor, dove compariva solo il logo Ecstar (marchio di lubrificanti di Suzuki), da quest’anno la squadra godrà della sponsorizzazione di Monster Energy che compare nella parte inferiore della carena e su entrambi i lati del cupolino. Per il resto, viene confermata la livrea del 2020 con maggiori inserti di colore grigio.

Nella giornata di ieri la Suzuki è già scesa in pista nello Shakedown di ieri. La moto 2020, probabilmente con componenti 2021 montate, è scesa in pista con il collaudatore Takuya Tsuda. Il tester giapponese, ha segnato il giro più lento (2.04.390) e ha concluso 24 giri. Nelle prossime due giornate di test (la prima è iniziata subito dopo la presentazione) scenderanno in pista anche i due piloti ufficiali con la nuova moto.

Le parole del Team Principal.

Nel corso della presentazione è stato presentato il nuovo Team Principal Shininci Sahara. Il nuovo TP si è subito concesso delle dichiarazioni a riguardo all’addio di Brivio e riguardo al nuovo sponsor: “Il 2020 è stata una stagione fantastica per noi, come vincere il titolo mondiale piloti e il Team. Questa stagione 2021 sarà impegnativa per noi, in quanto puntiamo ad ottenere un risultato ancora migliore dello scorso anno ma sono fiducioso che saremo in grado di assumere questo importante ruolo e di lottare per ottenere grandi risultati.

A causa delle restrizioni Covid sarà un’altra stagione molto strana e il congelamento dello sviluppo del motore ci lascia con meno aree da adattare e su cui lavorare, quindi il livello di competizione sarà alto come l’anno scorso. Sicuramente stiamo affrontando una nuova era nel nostro team, con la nuova organizzazione che abbiamo dovuto mettere in atto: quindi sarò più presente alle gare, e sarò supportato da tutti i membri della squadra nelle loro rispettive responsabilità.

Abbiamo cresciuto questa realtà che ora è matura e solida, quindi sono pienamente fiducioso che insieme troveremo il modo migliore per essere efficienti ed efficaci. Sia Joan Mir che Alex Rins hanno fatto un’accurata preparazione invernale, sono arrivati motivati e determinati in vista di questa nuova stagione daremo il nostro 100% per fornire loro le migliori condizioni e strumenti per eseguire bene e lottare per le prime posizioni”.​

Le parole dei piloti

Joan Mir ha lodato la nuova moto e ha parlato delle sue ambizioni: “Questa nuova stagione sembra che sarà emozionante con un sacco di contendenti veloci. Nonostante la vittoria dello scorso anno non mi considero il ‘favorito’ per quest’anno perché credo che ci sia ancora molto lavoro da fare e grandi risultati da raggiungere. Ma comunque, arrivo nel 2021 come ‘l’uomo da battere’ e sicuramente c’è una certa pressione che circonda. Onestamente non mi dispiace, la vedo come una cosa positiva perché la pressione mi ha sempre dato una spinta in più piuttosto che trattenermi. Ancora una volta sarà una stagione strana con questa pandemia di Covid e tutte le relative restrizioni di viaggio ma spero che le cose andranno sempre meglio non solo per noi, la famiglia MotoGP™ ma anche per tutti i nostri fan in tutto il mondo. Ho lasciato la mia GSX-RR l’anno scorso con sensazioni molto buone, le limitazioni sullo sviluppo hanno impedito di fare grandi passi in avanti ma sono fiducioso che il reparto Ricerca & Sviluppo di Suzuki e i nostri ingegneri di pista insieme meccanici abbiano trovato alcune migliorie”.

suzuki-motogp.com

Anche Alex Rins ha lodato il lavoro della squadra: “Non vedevo l’ora di tornare in pista! Mi sono allenato molto soprattutto con la mia moto da strada ma niente in realtà batte la mia GSX-RR. Penso che quest’anno potrebbe essere un grande anno per noi, abbiamo una squadra forte e una moto forte. Siamo più motivati che mai e sappiamo che la nostra moto è in grado di vincere, quindi siamo pronti a combattere. Il calendario è abbastanza pieno, nonostante tutto, e ci sono molti piloti veloci, quindi costruire una campagna coerente sarà la chiave come sempre”.

suzuki-motogp.com

Seguici su Telegram

MotoGP | Il Gran Premio d’Ungheria tornerà in calendario nel 2023

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico