MotoGP | Presentazione GP21, Dall’Igna: “Nel 2021 Ducati protagonista”

Gigi Dall’Igna, a margine della presentazione della nuova Ducati GP21, ha parlato della stagione 2021, tra nuovi piloti, novità tecniche e obiettivi da raggiungere.

presentazione ducati 2021 gp21 jack miller pecco bagnaia gigi dall'igna motogp
credits: motogp.com

Il Direttore di Ducati Corse, Gigi Dall’Igna, ha parlato a margine della presentazione della nuova GP21. L’ingegnere Ducati ha rimarcato la scelta di puntare su due piloti giovani come Miller e Bagnaia, parlando anche dello sviluppo della moto e delle gomme Michelin.

Le novità tecniche Ducati 2021

“Dal punto di vista tecnico abbiamo potuto fare poco, molte componenti sono congelate. Avremo la possibilità di una sola evoluzione aerodinamica, e non due. Quella è sicuramente un’area su cui abbiamo lavorato e speriamo di portare qualche frutto. Già in Qatar si vedrà qualcosa.”

La scelta di puntare sui giovani

Abbiamo cambiato i piloti, non sono nuovi, sono nella famiglia Ducati già da qualche anno. Fare il passo nel team ufficiale è sempre qualcosa di importante. Sarà difficile per entrambi perché tutti e due vogliono fare bene. Questo mette un po’ di pressione e non aiuta. L’obiettivo del 2021 resta quello di vedere una Ducati protagonista.“

Su Jack Miller

“Miller ha il talento per vincere, negli ultimi anni ha fatto passi avanti nella gestione gara. L’ha dimostrato soprattutto nelle gare finali della scorsa stagione. Se dovesse ripartire in questo Mondiale con quello stato di forma può essere una pedina fondamentale. Livio Suppo a quel tempo ha fatto un azzardo a portarlo dalla Moto3 alla MotoGP, ma ci ha visto giusto“.

Su Pecco Bagnaia

“Ha le armi giuste per fare un campionato ad altissimo livello, deve trovare un po’ di continuità in più. Deve sfruttare meglio le gomme e il potenziale della moto. Anche lui ha fatto un salto in avanti incredibile, ne basta un altro piccolo per essere protagonista. Ha uno stile molto particolare, ha nelle sue frecce anche quella di gestire la fase di centro curva, ed è uno dei migliori nella gestione dell’anteriore.“.

Le gomme Michelin

Nel 2020 lo sviluppo tecnico della Ducati ha avuto parecchi problemi per via della nuova gomma posteriore Michelin. La Desmosedici ha mostrato competitività, ma sempre con piloti differenti. “Michelin l’anno scorso ha portato una gomma posteriore diversa, che portava un miglioramento di prestazioni. Ha apportato benefici maggiori ad altri costruttori. Noi avevamo sviluppato qualcosa che andava a coprire problematiche che aveva l’altra gomma, e abbiamo perso il vantaggio. Ma bisogna adeguarsi.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Valentino Rossi critico: “Non capisco come abbiano permesso il ritorno di Marquez a Jerez”

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1