MotoGP | Pubblicata la bozza del calendario provvisorio 2021. Tra i GP di riserva compare la Russia

Dorna ha reso nota la prima bozza del calendario per il Mondiale 2021 di MotoGP. La situazione data dal Covid 19 ha obbligato gli organizzatori a mettere numerosi asterischi e a inserire tre piste come riserva.

Foto: profilo Twitter @CorriereRomagna

Quando mancano tre gare al termine del Mondiale 2020, Dorna ha pubblicato la bozza del calendario 2021 per MotoGP e le due classi minori. Tuttavia, visto l’andamento della pandemia, questa bozza è quanto mai provvisoria e soggetta a modifiche nel corso dei prossimi mesi.

La bozza inizia subito con un asterisco alla voce “GP del Qatar”. Infatti, il paese medio orientale ha imposto da subito grandi restrizioni per gli ingressi nel suo territorio nazionale e, come già avvenuto quest’anno, non è da escludere la possibilità di un annullamento o posticipazione dell’evento che, se confermato, aprirà la stagione il 28 marzo.

Per le tappe successive, la bozza prevede un percorso simile a quello seguito negli ultimi anni. Infatti, dopo la tappa qatariota, il Motomondiale si dovrebbe spostare nel continente americano per le prove di Termas de Rio Hondo e Austin.

Il 2 maggio si dovrebbe tornare in Europa con il GP di Spagna a Jerèz de la Frontera, seguito da Le Mans e, il 30 dello stesso mese, il GP d’Italia al Mugello. Il periodo in terra Europea dovrebbe proseguire fino al 3 ottobre, quando il Motomondiale dovrebbe andare in Asia per le tappe in Giappone, Thailandia, Australia e Malesia. La tappa finale, come da tradizione, si dovrebbe correre a Valencia il 14 novembre.

Leggi anche:

MotoGP | GP Europa – Sintesi FP1: Miller conferma la sua abilità con pista umida e conquista il miglior tempo. Piove sul bagnato per Quartararo

Tuttavia, nelle tappe europee, ci sono due grandi nodi da sciogliere. Il primo riguarda una gara che si dovrebbe correre tra il GP di Finlandia, e quello d’Austria. Il secondo, invece, coinvolge proprio il circuito finlandese, il cui debutto era previsto per quest’anno, e che rimane in forse per via dell’attuale mancanza dell’omologazione da parte della FIM.

Balza all’occhio l’assenza di una pista di grande tradizione e valore come Brno. Per la prova in Repubblica Ceca si erano alzate da mesi delle voci che parlavano di difficoltà nelle trattative tra Dorna e la proprietà del circuito. Non è da escludere, però, che la pista rientri nel calendario 2021 della MotoGP nello slot lasciato vuoto dagli organizzatori del Motomondiale.

motogp.com

Inoltre, sempre per via della pandemia di Covid, Dorna ha deciso di inserire nella bozza anche 3 piste “riserva”. Questi tracciati entreranno a far parte del calendario solo nel caso in cui dovessero saltare alcune tappe inserite in quello che sarà il calendario ufficiale. Le piste che attualmente figurano come riserva sono: Portimao,  il Mandalika International Street Circuit in Indonesia, e l’Igora Drive Circuit di San Pietroburgo.  Se Portimao e Mandalika sono piste in cui il Motomondiale ha già fatto tappa, (Portimao ospiterà l’ultima tappa di quest’anno e Mandalika ha ospitato il GP di Indonesia nel biennio 96-97) Il circuito russo è una totale novità.

motogp.com

Come già detto, il calendario pubblicato da Dorna è solo una prima bozza provvisoria e che, con tutta probabilità, verrà modificata nel corso delle prossime settimane e dei prossimi mesi, in base all’evoluzione della situazione data dal Coronavirus.

Seguici su Telegram

MotoGP | GP Europa – Anteprima e Orari Sky, DAZN e TV8

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico