MotoGP | Test Sepang – Day 3: Quartararo sempre davanti, Rossi quinto

Nell’ultima giornata di test Motogp a Sepang, è ancora Quartararo a guardare tutti dall’alto. Secondo Crutchlow con la Honda e terzo Rins con la Suzuki, poi Bagnaia in Ducati, e un buon Valentino Rossi, quinto.

test sepang motogp
motogp.com

L’ultima giornata di test pre stagionali della Motogp a Sepang si chiude, per il terzo giorno di fila, con Fabio Quartararo davanti a tutti nella classifica dei tempi. Il francese è seguito da Cal Crutchlow con la Honda e da Alex Rins con una ottima Suzuki. Quinto tempo per un buon Valentino Rossi, preceduto da Pecco Bagnaia, quarto, con la prima delle Ducati.

Tre giorni di test che ci hanno detto che Quartararo sarà probabilmente l’anti Marquez nel 2020. Sempre davanti, sia con la Yamaha versione 2019, sia con quella 2020, tanti giri fatti, e la consapevolezza che quest’anno può giocarsela con tutti, già dell’inizio.

Guardando la classifica dei tempi notiamo un sostanziale equilibrio in tutto il paddock. I primi 15 sono tutti in mezzo secondo, e troviamo tutte le marche e tutti i team. Davvero un equilibrio inaspettato, complice soprattutto gli ottimi miglioramenti di Aprilia e KTM che si sono avvicinati ai big. Ma analizziamo la situazione moto per moto.

Yamaha

Senz’altro chi può andare a casa soddisfatta e la Yamaha. Quartararo sempre davanti a tutti, con Morbidelli che (escluso oggi) lo segue a qualche decimo di distanza; piloti soddisfatti dei miglioramenti sia di motore che di ciclistica; un Valentino Rossi in spolvero, soprattutto nella giornata di oggi, con il quinto tempo finale; un Maverick Vinales che oggi ha macinato più di 80 giri, trovando un buon passo gara; e Jorge Lorenzo che sta già dando un ottimo aiuto nel suo nuovo ruolo di tester, dopo i Test Shakedown.

Honda e Ducati

Sia in casa Ducati, che in casa Honda la situazione è un po’ meno allegra. La rossa di Borgo Panigale sta soffrendo molto la nuova gomma posteriore, soprattutto in fase di accelerazione, che era il punto forte della Ducati, e questo sta inficiando sul lavoro di miglioramento del nuovo prototipo 2020. Non a caso il primo pilota Ducati è Pecco Bagnaia, con la moto del 2019.

La Honda, invece, deve fare i conti con gli acciacchi di Marc Marquez, dopo l’operazione di novembre alla spalla, e con il fratello, Alex, che deve ancora abituarsi alla nuova moto e alla nuova categoria; per questo, è stato Cal Crutchlow a provare il maggior numero di versioni della Honda 2020, registrando comunque buoni tempi sul giro secco.

Suzuki

I più soddisfatti della tre giorni malese sono senz’altro i piloti Suzuki. Entrambi i piloti si sono detti contentissimi del nuovo pacchetto, e hanno dimostrato di poter andare forte sia nel giro secco, che nel ritmo gara. Alex Rins ha terminato la sua giornata in pista con largo anticipo e nonostante ciò concludendo terzo nella classifica dei tempi. Rins ha poi anche postato le sue prime parole sui social: “Sono molto soddisfatto dei risultati, ho imparato molto e in Suzuki abbiamo fatto tanti passi avanti. Sarà sicuramente una stagione entusiasmante“.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Aprilia e KTM

Le due novità che non ti aspetti sono state Aprilia e KTM, che lo scorso anno navigavano sempre oltre il decimo posto, mentre ora sembrano aver trovato entrambe la quadra, avvicinandosi non poco ai top team, soprattutto nel passo gara.

Aleix Espargaro ha parlato così della nuova Aprilia, completamente rivoluzionata: “Si tratta solo di test, ma sono molto soddisfatto. Mi aspettavo di poter girare sull’1:58 basso nel time-attack, ma il feeling con la gomma soft non è stato dei migliori. Con la gomma media sono andato fortissimo: 12 giri in 1’59″5, il ritmo tenuto dai migliori. Purtroppo un piccolo problema mi ha costretto a fermarmi, ma il passo gara è stato veramente ottimo. Ci manca un po’ di accelerazione, ma lasciamo la Malesia decisamente soddisfatti”.

 

Insomma, grande equilibrio in questi primi test del 2020 di MotoGP a Sepang, la speranza è che questo equilibrio rimanga anche durante il campionato. Intanto l’appuntamento è per il 22 febbraio, con la seconda sessione di test ufficiali, in Qatar.

motogp sepang test
skysport.it

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1