MotoGP | Valentino Rossi annuncia il ritiro

Valentino Rossi, in una conferenza stampa straordinaria, ha comunicato l’addio alla MotoGP e il ritiro dalle competizioni. Come precedentemente annunciato, la comunicazione sul futuro sarebbe arrivata nella pausa estiva, e così è stato. Termina qui una carriera di ventisei anni e che ha riportato alla popolarità il motociclismo in Italia dopo gli anni ruggenti di Giacomo Agostini.

Valentino Rossi ritiro
Credit: Twitter

Lo aveva detto: “Se non sarò più competitivo, farò un passo indietro”; e così è stato: Valentino Rossi ha annunciato il suo ritiro durante una conferenza stampa straordinaria nel pre weekend sul circuito di Spielberg.

l’addio al Motomondiale di Rossi arriva dopo una prima parte di stagione, la prima con il team Petronas, molto difficile con soli quattro piazzamenti a punti e uno solo tra i primi dieci. Una stagione difficile in un team che, sotto un certo aspetto, forse non ha mai gradito la presenza del nove volte campione del mondo nel box. Infatti, il team malese ha più volte sottolineato l‘interesse verso piloti giovani e non verso piloti esperti e formati.

Rossi, insieme ad aver avuto una carriera irripetibile, si è distinto anche fuori dal contesto Motociclistico. Infatti, le avventure del Dottore sono svariate: Dai diversi test con Ferrari in F1 per un futuro nella massima serie automobilistica, ai tre rally a cui ha preso parte nel 2002, 2006 e 2008 con risultati non proprio entusiasmanti. Il tutto passando per le diverse realtà impenditoriali che porta avanti e che, negli ultimi anni, ha raggiunto il miglior successo con la VR46 Riders Accademy e con lo Sky Racing Team VR46 che, nel prossimo anno, farà il suo debutto in MotoGP con due Ducati Desmosedici.

Il futuro del Dottore è ancora in via di definizione. Non è sicuramente da escludere un impegno maggiore nella VR46 Accademy con qualche estemporanea apparizione in qualche competizione a quattro ruote come la dodici ore del golfo, già due volte affrontata in equipaggio con Alessio Salucci e Luca Marini con risultati quantomeno incoraggianti.

I dettagli sul futuro di Valentino Rossi verranno svelati nel corso dei restanti round della stagione e nei mesi direttamente successivi.

I numeri della carriera

Valentino Rossi conta ventisei stagioni nel Motomondiale, con oltre quattrocento gare all’attivo condite da duecentotrentaquattro podi e centoquarantaquattro vittorie. La carriera di Rossi si suddivide in due stagioni in 125, due in 250, una in 500 e ventuno in MotoGP. Tra i tanti record che il Dottore detiene, c’è quello per il maggior numero di gare corse con un solo costruttore. Infatti, con una moto Yamaha, Rossi ha concluso oltre 250 GP. Il resto della carriera, nelle classi minori e nei primi anni di MotoGP, è stata divisa tra Aprilia e Honda.

La lunga parentesi in Yamaha è stata intervallata solo dallo sfortunato biennio con Ducati. Sempre con la casa dei tre diapason Valentino Rossi ha collezionato più vittorie di chiunque altro. Il pilota di Tavullia, con cinquantasei vittorie all’attivo, precede Jorge Lorenzo con quarantaquattro e Lawson fermo a ventisei. Come ben evidente, la longevità è uno dei maggiori pregi di Rossi che, in questo ambito, gode di un ulteriore record: nessun pilota quarantaduenne ha mai preso parte a un GP del Motomondiale.

Seguici su Telegram

MotoGP | GP Stiria – Orari TV e anteprima della prima tappa al Red Bull Ring

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico