MotoGP | Valentino Rossi deciderà se continuare nel 2022 dopo le prime “sei, sette gare”

Il braccio destro di Valentino Rossi, Uccio Salucci, avverte che il Dottore valuterà se continuare a correre in MotoGP anche nel 2022, dopo le prime gare della stagione 2021.

valentino rossi uccio motogp 2021 2022 yamaha petronas alessio salucci sky racing team vr46
credits: autosport .com

Valentino Rossi correrà in questo 2021 per la Petronas Yamaha SRT. Il Dottore avrà ancora a disposizione una moto ufficiale, ma ha firmato solo un anno di contratto, con opzione per il secondo. In pratica sarà Valentino a decidere cosa fare per l’anno successivo. valentino rossi 2022 motogp

I tempi della decisione di Valentino Rossi sul 2022

Il suo braccio destro e amico di sempre, Uccio Salucci, ha affermato che, come per la scorsa stagione, Valentino Rossi attenderà le prime “sei, sette gare” di MotoGP per valutare le proprie prestazioni, e prendere una decisione sul 2022.

Ai microfoni di Sky Sport, Uccio ha dichiarato: “Dipenderà molto dalle gare. Dopo sei, sette GP vedremo se si divertirà, e quanto sarà competitivo. A quel punto, faremo una scelta.”


Il team VR46 in MotoGP

Questa stagione vedrà la prima moto in classe regina sostenuta dal team VR46, con i colori della squadra che saranno presenti sulla Ducati di Luca Marini. Questa è sembrata un’anticipazione del passaggio definitivo alla MotoGP dal 2022.

Uccio ha confermato che questo è un argomento in discussione, e ammette che: “Il cuore della squadra è con la Yamaha, per quanto riguarda le moto con cui vorremmo correre. I nostri ragazzi sono cresciuti più velocemente del previsto, è arrivato il momento di pensare di fare una squadra in MotoGP. La strada è lunga, il passo da compiere è importante, anche dal punto di vista economico: stiamo affrontando mesi fondamentali. Non sappiamo con quale moto correremo in MotoGP, ma di sicuro sappiamo tutti che il nostro cuore è con la Yamaha”.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Test a Jerez per tutti i piloti Ducati a febbraio

 

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1