F1 | Nasce ‘Progetto Pitlane’ per aiutare l’Inghilterra

Nasce il ‘Progetto Pitlane’. Sette team di Formula 1 si uniscono per aiutare la Gran Bretagna nella lotta contro il Covid-19.

Progetto Pitlane Coronavirus
Logo Formula 1, 2020. Fonte: topgear.es

In tempi durissimi, come quello che il mondo sta oggi vivendo nella lotta contro il Coronavirus, ciò che scalda l’anima è la solidarietà dimostrata da aziende, celebrità, persone comuni.

I vertici e i competitori della massima categoria ne sono un meraviglioso esempio.

Nelle ultime due settimane, i sette team che hanno sede nel Regno Unito, le loro rispettive armi tecnologiche e la Formula 1 hanno risposto alla richiesta di assistenza del governo inglese.

Per fronteggiare il veloce propagarsi del virus, il Parlamento britannico ha autorizzato la chiusura delle attività non essenziali e il ‘lockdown’ del Paese.

Red Bull, Racing Point, Haas, McLaren, Mercedes, Renault e Williams si stanno occupando della fabbricazione di dispositivi medici.

Il piano, definito Project Pitlane, è parte della riconversione delle industrie nazionali. Queste si impegnano a sviluppare tecnologie che possano aiutare il personale sanitario.

Sono tre le linee guida del progetto: la re-ingegnerizzazioni di dispositivi già esistenti, la crescita dei livelli di produzione e la velocizzazione dei tempi di sviluppo e consegna.

Project Pitlane sfrutterà al meglio le caratteristiche che rappresentano il cuore della Formula 1: la rapidità nel design, la produzione di prototipi, l’abilità di assemblamento.

Anche la Ferrari non si è lasciata cogliere impreparata, e ha messo a disposizione componenti, come monitor e video, alla Siare – azienda emiliana specializzata nella produzione di ventilatori. Si aggiunge, nel silenzio totale, la consegna di un’ambulanza a Modena. Progetto Pitlane Coronavirus

L’organizzazione automobilistica lavora da sempre a grandi velocità, e questa è una sfida che sono estremamente felici di accettare. Progetto Pitlane Coronavirus

 

Seguici anche su Instagram

F1 | Binotto: “Vettel e Leclerc liberi di correre nel 2020”