Netflix, Barrichello e la nuova F1: “‘Drive to Survive’? Sarei diventato un attore di Hollywood”

Rubens Barrichello osserva il cambiamento della F1 rispetto alla sua epoca, ironizzando sulla serie Netflix “Drive to Survive”.

barrichello drive survive netflix
Fonte: @unknown

L’avvento degli americani di Liberty Media ha portato la Formula 1 ad un’apertura netta nei confronti del mercato statunitense. L’aumentata popolarità su suolo a stelle e strisce è coincisa con l’impegno profuso per una maggior diffusione e spettacolarizzazione del prodotto Formula 1. La F1 negli ultimi anni è molto cambiata, a notarlo è anche un ex pilota Ferrari. Rubens Barrichello ha commentato la trasformazione del Circus rispetto ai propri tempi, osservando le novità come Drive to Survive, la popolare serie Netflix sulla F1.

La serie televisiva, nata qualche anno fa, è arrivata a vedere la luce della sua quarta stagione, improntata sul mondiale 2021. E non finisce qui: la quinta e la sesta stagione sono già state confermate dai produttori stessi. L’entrata in scena di Netflix ha portato in America un immagine della F1 che alcuni, specialmente i più fedeli alla tradizione, non hanno accolto con eccessivo entusiasmo a causa della spettacolarizzazione del Circus, indigesta anche al campione del mondo 2021 Max Verstappen, e criticata da Lando Norris.

L’effetto Netflix ha portato la Formula 1 a nuovi spettatori, creando nuovi appassionati. Ad apprezzare particolarmente quanto prodotto è soprattutto il pubblico più giovane insieme a quello americano. Questo ha portato ad un aumento di fans statunitensi, quindi all’aumento degli stessi GP a stelle e strisce, che saranno tre dal prossimo anno.

È una F1 sicuramente differente da quella conosciuta da Rubinho, in F1 dal 1993 al 2011: “È una F1 molto diversa dalla mia”, osserva il brasiliano.

Barrichello infine osserva ironizzando il fattore ‘Netflix‘: “Se ci fosse stato ai miei tempo ‘Drive to Survive’, sarei diventato un attore di Hollywood, ha concluso ai microfoni della Gazzetta dello Sport.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.