Formula 1

F1 | Russell si mette sullo stesso piano di Hamilton nel 2023, ma i numeri dicono ben altro

Nonostante i 59 punti di distacco nel mondiale piloti, George Russell ritiene di aver performato allo stesso livello di Lewis Hamilton nella stagione 2023.

Dopo una stagione di debutto in Mercedes di assoluto livello nel 2022, George Russell si è presentato ai nastri di partenza della stagione 2023 in pompa magna, consapevole di poter reggere il confronto con il ben più blasonato compagno di squadra. Nella stagione appena conclusa, però, il sette volte campione del mondo si è ripreso i galloni da capitano, chiudendo il mondiale al terzo posto. Al contrario, invece, George ha dovuto accontentarsi solamente dell’ottava posizione.

Hamilton Russell 2023
Russell al livello di Hamilton nel 2023? © The Telegraph

Russell al livello di Hamilton nel 2023?

Quest’anno sono stato mediamente al livello di Hamilton”, ha tuonato Russell in un’intervista concessa al Telegraph. ”Non mi basta essere al suo livello, voglio stargli davanti. Penso che le statistiche delle qualifiche, se si includono le gare sprint, siano esattamente uguali”.

Ed effettivamente così è. Se prendiamo infatti il confronto testa a testa in qualifica, i due risultano in perfetta parità, con Russell che si è qualificato davanti al compagno di squadra in 11 gran premi su 22. Tuttavia, Hamilton può vantare il fatto di esser stato l’unico pilota Mercedes ad aver piazzato la W14 in pole position quest’anno, grazie ad un giro capolavoro in Ungheria.

”Anche per quanto riguarda il ritmo, siamo stati generalmente uguali”, ha aggiunto il numero 63. ”Ci sono degli aspetti positivi da quest’anno. Penso che ora siamo in una posizione migliore rispetto a 12 mesi fa. Devo anche essere realista. Mi sto confrontando con il più grande pilota di tutti i tempi. Non è certo un brutto punto di riferimento“.


Leggi anche: F1 | Ferrari, tanti dubbi sul 2024: “È ancora una volta un caso, lontana dalla stabilità di cui ha bisogno”


In questo caso, però, le dichiarazioni del britannico non possono che essere smentite dai risultati. Hamilton ha infatti tagliato il traguardo 12 volte davanti al compagno, e conquistato ben sei podi, contro i due di George. Inoltre, Lewis ha ottenuto ben 59 punti in più, anche se sulla classifica di Russell pesano i tre ritiri in Australia, Singapore e Brasile.

Più che pensare al rapporto con il compagno di squadra, però, Russell preferisce spostare il focus su Red Bull, consapevole che Mercedes avrà tanto da fare per ricucire il gap nel 2024: “Non c’è dubbio che la Red Bull inizierà la stagione al top, ma l’anno è lungo e le cose possono cambiare. Da parte mia, sono entusiasta. Mi sento bene con me stesso”.

”L’anno prossimo è un nuovo inizio per tutti. Spero in una stagione in cui potrò mettermi in mostra e ottenere i risultati che ho ottenuto nel 2022, o almeno massimizzarli. La mia fiducia non è stata minimamente intaccata dal 2023“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter