A TCFormula 1

F1 | GP Australia – Alonso difende Sainz: giudica la penalità “troppo severa” e scherza sul suo “fascino”

Al termine del GP d’Australia, Fernando Alonso difende Sainz giudicando eccessiva la penalità, poi scherza sul suo “fascino”.

Il contatto tra i due connazionali alla terza partenza induce i commissari di gara a sanzionare il ferrarista. Nonostante sia rimasto vittima del contatto (ma solo per poco), Alonso si schiera dalla parte di Sainz, ritenendo la penalità comminata esagerata.

f1 australia alonso sainz penalità ferrari melbourne
Fonte: @unknown – GP Australia – Alonso si schiera con Sainz, giudicando eccessiva la penalità inflitta al connazionale.

L’asturiano dell’Aston Martin ha ottenuto il terzo podio consecutivo. L’encomiabile risultato del #14 è tuttavia rimasto in dubbio per alcuni istanti: la ripartenza dopo il ritiro di Magnussen ha reso protagonisti in negativo i due spagnoli, a contatto in uscita di curva 1.

Alonso ha ammesso di non aver subito compreso il responsabile del contatto: “Ovviamente in quel momento non sapevo chi mi avesse toccato”. Il 41enne di Oviedo dice la sua sulla sanzione al ferrarista: “Probabilmente la penalità è troppo severa. Al primo giro è sempre molto difficile valutare il livello di aderenza, penso che non andiamo deliberatamente a colpire un’altra monoposto, anche perché sappiamo i rischi per la nostra stessa macchina.”


Leggi anche: F1 | GP Australia – Sainz inferocito rimanda l’intervista: “Direi brutte parole ora, ci hanno derubato” – VIDEO


“A volte ci si trova in posti in cui non si vorrebbe essere. Fa parte delle corse“, ha proseguito difendendo Sainz. “Non ho visto bene i replay, ma per me è troppo severo.”

L’episodio con Sainz non è il primo dell’ancora breve stagione per Alonso: Probabilmente solo a Jeddah ho avuto una partenza lineare, anche in Bahrain Lance mi ha toccato in curva 4″. Lo spagnolo però, conscio della propria competitività, mantiene il buonumore e scherza: …quindi sì, sono molto attraente là fuori! La nostra macchina però è abbastanza forte, dunque non importa se continuano a toccarci.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter