A TCFormula 1

F1 | GP Australia, Vasseur suona la carica: “Approccio aggressivo a Melbourne come a Jeddah”

Frederic Vasseur ha anticipato il weekend del GP di Australia suonando la carica per la Ferrari e preannunciando buone aspettative

La Ferrari arriva al GP dell’Australia come seconda forza nel campionato e Fred Vasseur è perfettamente consapevole del valore della sua squadra. Nei primi due GP della stagione, infatti, la squadra di Maranello ha dimostrato di essere l’unica scuderia in grado di avvicinarsi alla Red Bull.

In entrambe le tappe iniziali, Leclerc e Sainz si sono messi dietro tutti gli altri, dimostrando che chi dava per spacciata la Ferrari stava sbagliando di grosso. Certo, è per sempre seconda forza, ma il lavoro fatto inizia a mostrare i suoi frutti.

gp australia vasseur
Charles Leclerc durante il GP d’Arabia Saudita © Scuderia Ferrari

A Melbourne, inoltre, verranno usate per la prima volta le mescole più morbide proposte da Pirelli. Questo, dunque, sarà un banco di prova importante per Maranello che lo scorso anno ha dimostrato di soffrire eccessivamente il degrado gomme.


Leggi anche: F1 | Telenovela Red Bull, ora spunta anche la “spia thailandese”


Non solo: si sta ancora aspettando di capire se sarà Carlos Sainz a correre all’Albert Park o se prenderà ancora una volta il suo posto il giovane Oliver Bearman. Lo spagnolo, infatti, è rimasto bloccato per un’appendicite che non gli ha consentito di correre a Jeddah e ora dovrà sostenere ulteriori visite medica per verificare il suo stato fisico.

Vasseur, intanto, ha anticipato il weekend australiano dando indicazioni sull’approccio della scuderia di Maranello. “Dopo quanto visto nelle prime due gare, ora dobbiamo prepararci alla trasferta più lunga di tutta la stagione e che ci porta qui a Melbourne” anticipa Vasseur.

Abbiamo dimostrato di aver lavorato bene durante le prime due tappe del campionato e abbiamo dimostrato di essere, almeno attualmente, la seconda forza dopo la Red Bull. Qui a Melbourne potremmo rivedere quanto successo a Jeddah con un approccio molto aggressivo per provare a mettere sotto pressione i nostri rivali” conclude poi il team principal della Ferrari.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter