A TCFormula 1LIVE

F1 | GP Giappone – RISULTATI FP1: Red Bull davanti, ma la Ferrari impressiona sulla simulazione passo gara

Archiviata la prima sessione di prove libere in Giappone. Ecco i risultati delle FP1 andate in scena in sul circuito di Suzuka, sede del GP del Giappone.

Si corre in Giappone, terra di motori e grandi sfide del motorsport. Il circuito di Suzuka sorge nei pressi della capitale Tokyo e si prefigura come uno dei tracciati più indicativi per le prestazioni delle monoposto. Lunghe curve veloci, frenate e tanti altri punti critici per verificare la bontà delle monoposto. Una buona prima sessione di prove libere per tutti, con le due Red Bull che hanno fatto uno-due al termine della sessione. Dietro di loro la Ferrari di Sainz che insieme al compagno di squadra ha impressionato sul passo. Vediamo i risultati delle FP1 del GP del Giappone.

Cronaca FP1 Giappone
Tempo di scendere in pista per le FP1 del GP del Giappone

Subito molta attività in pista all’immissione della bandiera verde, con Iwasa il primo a scendere in pista. Il giovane pilota giapponese è al volante della Racing Bulls al posto di Daniel Ricciardo.

Il primo riferimento cronometrico è quello di Lewis Hamilton, scavalcato poco dopo da Lando Norris su McLaren. Molte verifiche aerodinamiche per Aston Martin che nel weekend di Suzuka ha introdotto un sostanzioso pacchetto di novità. Presenti i rastrelli al posteriore per verificare la bontà degli aggiornamenti.

La prima parte di sessione ha visto le due Ferrari lavorare con la gomma bianca per simulare un mini long run. I due piloti, nonostante la mescola di svantaggio, sono abbastanza vicino ai ritmi di testa. Ovviamente i crono miglioreranno, ma al momento i distacchi sono molto contenuti.

Dopo circa 20 minuti, i piloti iniziano a spingere sull’acceleratore con tempi che iniziano a farsi interessanti. La maggior parte dei riferimenti sono registrati con la gomma gialla, in particolare Norris e Alonso hanno registrato lo stesso tempo.


Leggi anche: F1 | “Non è come ai tempi di McLaren!”, Daniel Ricciardo risponde ai detrattori


All’ottavo giro e dopo 25 minuti di attività Max Verstappen inizia a dettare legge, suo il miglior riferimento in 1:31:436. Completato il lavoro sul giro singolo, il pilota della Red Bull è rientrato ai box per delle operazioni e iniziare un programma diverso. Con Verstappen ai box, l’attività in pista è minima e troviamo solo Stroll tra le curve del tracciato di Suzuka. Il pilota canadese è al momento l’unico con gli aggiornamenti sulla AMR24, dopo le FP2 verranno fatte alcune valutazioni e arriveranno i pezzi anche per Alonso.

Williams rischia di nuovo di correre con una sola vettura domenica

Con 30 minuti al termine, riprende l’attività con alcuni piloti che hanno montato gomma rossa e attaccare il tempo. Hamilton è stato il primo a registrare un crono con la mescola più morbida. Pochi istanti dopo, la sessione è stata interrotta per un violento impatto alla curva 7 di Logan Sargeant. Ricordiamo che il pilota americano aveva il telaio incidentato, poi sistemato, del suo compagno di squadra.

Con poco meno di 20 minuti al termine della sessione l’attività in pista è tornata con molti piloti che hanno montato gomma rossa per fare l’attacco al tempo. Con un crono mostruoso, Verstappen mette tutti in riga e apre la doppietta Red Bull sulla colonnina dei tempi. Dietro le due Red Bull si posiziona la Ferrari di Sainz, a cica 2 decimi dal crono di riferimento. Con il secondo tentativo, Perez non è migliorato, segno che la gomma rossa consente un solo push.

Anche Sainz ha effettuato il secondo tentativo con un crono che è migliorato leggermente. Nonostante il tempo non sia sceso in modo sensibile, il pilota della Ferrari conferma una buona SF-24 in quel di Suzuka. Per entrambi i piloti della Rossa gli ultimi minuti della sessione sono stati dedicati ad un mini long run. Molto buoni i riferimenti sulla mini simulazione di gara, con Sainz sul 35.7. Tempi non molto confrontabili tra Verstappen e Leclerc che sono scesi in pista per il mini long run con gomma bianca. Tuttavia, i segnali che mandano le due Ferrari sembrano molto positivi e potrebbero dire dire la loro in gara. A conferma di questo c’è il tempo di Sainz con una gomma rossa molto usurata e mantiene un riferimento molto interessante.

Risultati FP1 prove libere 1 Giappone Suzuka

 


Leggi anche: F1 | Leclerc ricorda Bianchi in Giappone: il casco per Jules del pilota Ferrari


Tanto stress anche per gli pneumatici, infatti, Pirelli ha scelto di dotare le squadre delle mescole più dure presenti nella gamma. C1, C2 e C3 le mescole su cui faranno affidamento le squadre per essere le più veloci possibili. Fondamentale la gestione del degrado termico delle coperture, non solo durante la gara ma anche nel giro veloce. Infatti, con un primo settore così impegnativo, le coperture, specialmente le più morbide, potrebbero non arrivare a fine giro con il grip necessario per affrontare 130R e chicane. Vedremo quale tra le squadre saprà sfruttare al meglio le coperture in vista del GP.

Crediti immagini: Scuderia Ferrari Via X

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter