A TCFormula 1

F1 | Il retroscena sulla scia di Hulkenberg a Verstappen nel Q3 a Imola: perché gliel’ha data di proposito

Al termine delle qualifiche a Imola Nico Hulkenberg ha rivelato il perché della scia data volutamente a Max Verstappen nel Q3.

Una qualifica estremamente combattuta nelle posizioni di testa decisa dai dettagli. Il più veloce di tutti nel Q3 a Imola è stato Max Verstappen, che ha conquistato la Pole Position anche grazie all’aiuto della scia data da Nico Hulkenberg.

Verstappen Hulkenberg scia qualifiche f1 Imola Q3 Red Bull Haas
Max Verstappen prendendo la scia di Nico Hulkenberg nel suo tentativo finale nel Q3 durante le qualifiche del Gran Premio dell’Emilia Romagna a Imola. Foto: F1TV / FOM

Il pilota olandese ha guadagnato la Pole di misura sulle McLaren di Oscar Piastri e Lando Norris, staccati rispettivamente a 7 e 9 centesimi di secondo.

Ad aver influito sul tempo di Verstappen e conseguentemente sulla classifica finale, dato il margine minimo tra l’#1 e le due vetture papaya, è stata la scia che Hulkenberg ha dato al pilota Red Bull nel suo tentativo finale. 


Leggi anche: F1 | “L’abbiamo ribaltata caz*o!”, Verstappen esulta nel team radio dopo la pole record a Imola


Calata la bandiera a scacchi sulla sessione, è stato subito tempo di analisi su questa circostanza; nello specifico, si è osservata la casualità della scia e il guadagno effettivo che ha tratto Verstappen. In merito al tempo sul giro guadagnato, il tre volte campione del mondo ha potuto beneficiare di 10 km/h extra con la scia, che è stata però tutt’altro che casuale.

Hulkenberg e il “favore restituito”

A rivelarlo è stato lo stesso Hulkenberg, il quale ha anche svelato il perché dietro la scelta di aiutare Verstappen. 

Io e Max ci siamo aiutato a vicenda lungo il corso della qualifica; lui mi ha aiutato un po’ di volte in Q2 e qui [indicando le immagini] gli ho restituito il favore.” ha spiegato il #27 della Haas a Sky UK.

“Bisogna supportarsi a vicenda tra colleghi, non è così?” ha chiosato Hulkenberg. Il tedesco ha registrato ancora un’altra qualificazione in Q3 con il decimo posto di questo sabato; dopo averla mancata a Miami, la Top10 è nuovamente un obiettivo alla portata del futuro pilota Audi.

Anche Verstappen durante la conferenza stampa riservata ai primi tre classificati si è espresso sulla vicenda: Io gli ho dato una scia verso la 17 e lui me l’ha data verso curva 2. Sono arrivato un po’ troppo veloce per i miei gusti perché ho leggermente mancato l’apice in curva 2. Quindi sì ho guadagnato ma anche perso un pochino; a conti fatti, mi ha decisamente aiutato. Però, quando fatichi per tutto il weekend e finalmente dai una svolta, bisogna cercare questi piccoli aiuti per restare avanti ed ha funzionato davvero bene”.

Credits foto in copertina: TR motorsport.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter