A TCFormula 1

F1 | Incubo primo settore in Bahrain, Leclerc cerca risposte

Nel primo settore in Bahrain la distanza è abissale: Leclerc cerca risposte e spera nella gara.

Nonostante la pole position a portata di mano, la Ferrari in Bahrain soffre oltremisura nel primo settore: Leclerc cerca la soluzione in vista della gara.

f1 leclerc qualifiche bahrain gara gp settore q3 ferrari
Foto: F1inGenerale.com – Foto copertina: F1inGenerale.com

Distacchi assottigliati in Bahrain. Nelle qualifiche del gran premio d’apertura del mondiale Verstappen – almeno sul giro secco – non è imprendibile come temuto dai rivali. Nella notturna cornice del desertico palcoscenico di Sakhir l’olandese della Red Bull ha agguantato una pole position che, con qualche sbavatura in meno, avrebbe potuto prendere la strada di Maranello.

Leclerc non è riuscito a ripetere il giro del Q2 che lo avrebbe messo in pole e Verstappen ne ha approfittato. Il campione in carica ha sfoggiato una performance ottimale laddove Leclerc non è riuscito ad eccellere, nel primo settore. Il divario tra i due – nella prima parte di circuito – si attesta infatti oltre i 2 decimi a favore di Max.


Leggi anche: F1 | Che beffa per Leclerc, il tempo del Q2 sarebbe valso la pole position in Bahrain


È nel primo settore che la Ferrari ha le maggiori difficoltà: “Stiamo faticando da tutto il weekend e non riusciamo a trovare una risposta precisa“, ammette Leclerc.

Il monegasco può consolarsi con gli altri due settori, dove Verstappen appare meno prestante: “Il secondo settore non troppo. L’ultimo è la nostra debolezza, lo è stata per tutto il weekend, ha rivelato l’olandese.

Eppure in quel primo settore – in Q3 – le difficoltà della rossa sono venute a galla oltremisura. “Speriamo che sia diverso in gara”, ha espresso come desiderio il monegasco.

Deciso a non darla vinta, Leclerc ha provato a cercare la causa delle fatiche della SF-24 nel t1, dove perde 0.227 millesimi (28.762 contro 28.535). “Probabilmente è dovuto alla preparazione degli pneumatici, dato che abbiamo visto alcune differenze nel gruppo. Questo potrebbe aver avuto un ruolo importante“, ha spiegato. “Ma sì, siamo abbiamo diverse difficoltà nelle curve 1, 2 e 3.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter