A TCFormula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | La Ferrari è in crisi? Vasseur fa il punto sugli aggiornamenti dopo l’Austria

Dopo il GP dell’Austria, Fred Vasseur ha cercato di spiegare il momento che sta vivendo Ferrari e perché non bisogna già dichiarare la crisi

Fred Vasseur è deluso dopo il GP dell’Austria, ma questo non gli sembra abbastanza per parlare di crisi in casa Ferrari. Infatti, dopo la gara che ha visto Sainz a podio e Leclerc fuori dalla zona punti a causa di un contatto con Perez al primo giro, il team principal ha cercato di tenere alti gli animi.

Prima di tutto, ci siamo ritrovati a dover cambiare la macchina dal venerdì al sabato. Durante la prima giornata abbiamo avuto non pochi problemi. Abbiamo cambiato un po’ i punti deboli della macchina da curva a curva ma penso che nel complesso la situazione è buona” racconta il francese.

F1 | La Ferrari è in crisi? Arriva la risposta di Vasseur dopo l'Austria leclerc sainz Frederic Vasseur aggiornamenti Ferrari F1 2024 Silverstone crisi Ferrari Austria GP_risultato

Penso che sarà utile per noi avere FP1, FP2 e FP3 a Silverstone perché questo ci aiuterà anche a capire meglio la macchina. Dovremo fare alcuni controlli ed è necessario comprendere. Comunque non sono negativo sulle prestazioni, Non siamo così lontani da tutti gli altri anche se oggi avremmo potuto ottenere molto di più“.


Leggi anche: F1 | Classifica piloti e costruttori aggiornata dopo il GP dell’Austria 2024


Poi comunque ognuno porta i suoi aggiornamenti e tanto cose voi dall’esterno non le vedete nemmeno. Anche noi avremo altre cose da aggiornare e lo faremo più avanti e la cosa più importante è che non cambieremo l’approccio e continueremo a spingere” aggiunge.

Poi spiega anche la questione degli aggiornamenti e perché non è preoccupante. “Non è la prima volta che quando porti un aggiornamento sulla macchina c’è bisogno di una o due gare per vederlo funzionare. Negli ultimi due anni è stato abbastanza spesso così“.

I motivi? “Quando porti qualcosa di nuovo capita, a volte, che non tutto vada subito bene. Ora gli aggiornamenti sono un po’ meno potenti di quanto lo erano in passato e può succedere di trovare un deficit nella messa a punto della macchina e hai bisogno di una o due gare per essere al top dell’aggiornamento” conclude poi Vasseur.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.