A TCFormula 1

F1 | Non è più la Red Bull dominante del 2023, Verstappen invita alla cautela

L’inizio è buono, ma la Ferrari è vicina ed i distacchi in Giappone non saranno quelli del 2023: parola di un cauto Max Verstappen.

Il Giappone ospita la F1 per il quarto appuntamento iridato del 2024: la pista di Suzuka non riserverà un dominio Red Bull in stile 2023, Max Verstappen ne è sicuro, i distacchi saranno ridotti.

f1 verstappen red bull ferrari giappone suzuka gp prove libere paso gara qualifiche risultati fp leclerc sainz redbull horner marko japanesegp japan
Foto: Clive Mason/Getty Images – Foto Copertina: Mark Thompson/Getty Images

A Suzuka si chiude la prima giornata in pista. Troncato dagli scrosci d’acqua in avvio di FP2, il venerdì nipponico non restituisce la quantità di indicazioni attese. Per farsi un’idea degli ancora grezzi valori in campo bisogna affidarsi alle Prove Libere 1.

“È stato un buon inizio per noi”, ha esordito un tranquillo Max Verstappen al termine delle sonnolente FP2. Durante la prima ora di prova la sua RB20 ha comunque fornito buone sensazioni: Il giusto bilanciamento della vettura non era troppo lontano. E questo è sempre un ottimo modo per iniziare il weekend.”


Leggi anche: F1 | Ferrari, Leclerc sulla pole in Giappone: “Vi dico chi è il favorito”


Buon inizio, ma serve cautela, anche se “questo dovrebbe di norma un buon tracciato per noi”. Nella prima sessione la Ferrari di Sainz ha pagato solo 2 decimi sul giro secco nel confronto con il duo Red Bull ed il passo gara del Cavallino ha ben impressionato. Max si aspetta una griglia compattata: “Sembra che tutti siano più vicini rispetto all’anno scorso.”

“Sul giro secco tutti si sono decisamente avvicinati”, ha affermato con sicurezza. Sul passo gara le sensazioni sono meno nette: “Non ho un’idea precisa, ma non mi aspetto i distacchi dell’anno scorso qui.”

“Nelle FP2 ovviamente non abbiamo potuto fare nulla. In generale abbiamo alcune cose da rivedere e provare, ma posso ritenermi piuttosto soddisfatto delle nostre Prove Libere 1, ha concluso.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter