A TCFormula 1

F1 | “Perché i tuoi piloti continuano a fare incidenti?”: la domanda che ha imbarazzato Vowles

Ecco la risposta di James Vowles ad una domanda che non vorresti ti venisse mai rivolta come “perché i tuoi piloti continuano a fare incidenti?”.

Dopo l’incidente di Logan Sargeant nelle prove libere 1 del Gran Premio del Giappone, il Team Principal della Williams si è ritrovato in una posizione scomoda davanti ai microfoni. “Perché i tuoi piloti continuano a fare incidenti?” è la domanda che ha per un attimo spiazzato James Vowles. 

James Vowles Williams F1 incidenti piloti Albon Sargeant Suzuka Giappone
Foto: XPB Images

La Williams non ha avuto un inizio di stagione felice: zero punti raccolti e tante spese extra a cui badare tra l’incidente di Albon in Australia e quello di Sargeant a Suzuka.

I due incidenti in questione hanno spinto ad uno dei volti più noti del paddock a rivolgere la domanda sopracitata. Si tratta di Ted Kravitz, inviato in pit lane per Sky UK“È una domanda forte, da chiedere ai piloti.” ha esordito Vowles per rispondere al quesito di Kravitz. 


Leggi anche: F1 | “Non sapeva dove fosse in pista”: la dinamica dell’incidente di Sargeant frutto di un “errore sciocco”


“Quello che notiamo dal midfield è che si ha una lotta incredibilmente serrata. E quello che stiamo chiedendo ai piloti è di correre assolutamente al limite per estrarre il massimo. Fondamentalmente non ci sono margini per errori in termini di performance.” ha spiegato l’ex Mercedes. 

“È un dato dolente questo per il quale generiamo tutte queste bandiere rosse; chiaramente condiziona i nostri programmi futuri ed è qualcosa che dobbiamo superare.” ha concluso Vowles. 

Un precedente simile

A dire il vero, a proposito della primissima risposta di Vowles, ricordiamo circostanze di piloti che hanno ricevuto domande del genere. Una simile fu infatti rivolta a Max Verstappen nel 2018

L’olandese era reduce da un incidente a Monaco che si era aggiunto alla catena di errori che commise l’allora ventunenne; in conferenza stampa gli fu chiesto “perché fai così tanti incidenti?”. La risposta di Verstappen fu decisamente più per le rime rispetto a quella di Vowles: “Non lo so.” e dopo alcuni secondi di silenzio “e… come vi ho già detto, mi sono stancato di queste domande, quindi… se dovessi riceverne altre tirerò una testata a qualcuno”.

Credits foto in copertina: XPB Images

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter