A TCFormula 1

F1 | Retroscena Bearman: Ferrari lo voleva già in griglia ma i problemi Haas hanno rallentato il piano

Ferrari avrebbe voluto mettere Ollie Bearman alla guida della Haas già in questa stagione ma i problemi del team americano hanno fatto cadere l’idea.

Il GP d’Arabia Saudita ha fatto accendere i riflettori sul giovane pilota inglese. La prestazione di Oliver Bearman all’esordio con Ferrari, dopo aver provato la F1 solo in due sessioni ufficiali con Haas, non è passata inosservata.

oliver ollie bearman haas ferrari scuderia debutto f1 formula1 gp arabia saudita jeddah gedda sf-24 vf-23 gp messico 2023 fp1 pilota
Ollie Bearman in pista con la Haas durante le FP1 del GP del Messico 2023 © Haas F1 Team

Il pilota dell’Academy della Rossa ha infatti messo in mostra un grande talento. Il lavoro fatto ha impressionato i colleghi piloti e gli addetti ai lavori. Anche Charles Leclerc ha voluto congratularsi con lui nel post gara.

Bearman ha dimostrato di meritarsi la F1. La domanda però ora è quando lo vedremo in pianta stabile in griglia. Sicuramente ci sono ottime possibilità di averlo al volante di una delle due Haas il prossimo anno.

Stando a quanto riportato da Michael Schmidt, ci sarebbe però un interessante retroscena. Sembrerebbe infatti che Ferrari avrebbe voluto mettere Ollie Bearman in Haas già in questa stagione.

Tuttavia l’idea sarebbe tramontata a causa della monoposto 2023 del team americano. La VF-23 infatti era ben lontana dall’essere performante. Per questo motivo in casa Haas hanno preferito dare continuità alla squadra. L’obiettivo era quello di risolvere i problemi prima di prendere un rookie nel team.


Leggi anche: F1 | “Perché Leclerc ha tanto successo sui tifosi?”, la bellissima risposta di Federica Masolin


Ora però Bearman è sicuramente il candidato numero uno per un sedile Haas nel 2024, naturalmente con l’appoggio di Ferrari.

Chi gli farà spazio tra Hulkenberg e Magnussen? I rumor raccolti vedono il tedesco già in direzione Sauber/Audi. Potrebbe dunque essere lui a far posto al giovane inglese. La conferma o meno di Magnussen invece dipenderà dalle sue prestazioni in pista.

Dopo quanto visto a Jeddah è davvero difficile pensare che Bearman non avrà un sedile in F1 la prossima stagione. Personalità come Flavio Briatore ed Helmut Marko sono rimasti molto impressionati da lui ed hanno iniziato a mettere pepe sulla Ferrari.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Copertina © Andy Hone