A TCFormula 1

F1 | Sintesi FP2 – È cambiato qualcosa? Il gruppo è compatto – GP Bahrain PROVE LIBERE

Tramonta il sole e le prove libere entrano nel vivo, si lavora su qualifica e passo gara: sintesi e risultati delle FP2 del GP del Bahrain di F1.

La sessione clou del weekend in Bahrain si chiude sotto la luce artificiale: le squadre provano la qualifica e il passo gara, ecco sintesi e risultati delle Prove Libere FP2 del GP di F1.

Prove Libere F1 Bahrain sakhir fp2 fp sintesi risultati live ferrari leclerc
Foto: @ScuderiaFerrari Twitter

GP Bahrain F1 2024: i risultati delle Prove Libere FP2

Foto: F1

La sintesi delle FP2 in Bahrain

Cala il crepuscolo sul tracciato di Sakhir, dove alle ore 16.00 italiane (le 18 locali) scattano le Prove Libere FP2 del GP del Bahrain 2024. La sessione si apre sotto ad un cielo sgombro ed una temperatura di 17°C, l’umidità è al 43%. L’asfalto, illuminato dai riflettori dell’autodromo, raggiunge i 23°C.

All’inizio della sessione i piloti si dividono nella scelta degli pneumatici tra chi parte lavorando su gomma soft e chi, invece, su gomma media. In casa Ferrari entrambi i piloti scelgono un inizio sul compound soft, seguiti da Perez e Hamilton. Gli ultimi ad entrare in pista sono Russell (soft) e Verstappen.


Leggi anche: F1 | Ferrari “incomprensibile”, ma è la più temuta da Waché


Si inizia con le simulazioni di qualifica. Al primo tentativo di giro lanciato Hamilton sbaraglia la concorrenza con un 1:30.751, rifilando 8 decimi a Ferrari e Red Bull.

L’ultimissimo ad uscire dai box, con relativa calma, è Max Verstappen. L’olandese non sembra averne inizialmente per mettersi in vetta con un grande gap: i primi tentativi sono molto simili a quelli di Leclerc.

La classifica dopo i primissimi tentativi.

Foto: F1

Dopo 25 minuti dal via delle FP2 è il momento di un nuovo set di soft per molti. Nuova simulazione di qualifica: Hamilton migliora, Leclerc costretto ad abortire due giri, Red Bull non particolarmente impressionante.

Il secondo round di giri secchi porta Hamilton in 1:30.374, Russell a 2 decimi, Alonso a 3 decimi, Sainz a 4 decimi. Verstappen “solo” in P6, mentre Leclerc non migliora a dovere, bloccando al primo tentativo e mostrando malumori per due impeding. 

Foto: F1

Ultimi 20 minuti: le simulazioni passo gara

L’ultima parte della sessione è dedicata, da tutti i team, alla simulazione sul passo gara. Tutti i piloti optano per la mescola soft.

Il tempo d’attacco di Verstappen si attesta sull’1:37.0. Si lancia pochi istanti dopo anche Leclerc che, dopo aver ravvisato un vento più intenso, piazza come tempo d’attacco un 1:37.2, Russell attacca in 1:36.8, Perez in 1:35.9. Nei giri successivi tutti marcano tempi simili.

Più passano i minuti nelle simulazioni di passo gara, più i piloti appaiono tutti appaiati. I tempi sono molto simili ed il gruppo appare assai compatto, nonostante Verstappen appaia probabilmente ancora il più dolce sugli pneumatici.

La sessione si conclude sotto la bandiera a scacchi ed il quadro è piuttosto interessante. Se Verstappen sulla lunga distanza appare già abbastanza a proprio agio, gli altri non sono per nulla distanti. Il gruppo è compatto ed il venerdì va in archivio con ancora qualche incognita lato setup e mappatura motore.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

1 commento

Lamberto 29/02/2024 at 18:39

Tutti aspettano la Ferrari specie a guida Leclerc , anche se Sainz deve dimostrare il suo valore …..

I commenti sono disabilitati