A TCF1 AnalisiFormula 1

F1 TECH | Flow viz: cos’è e perché i team la usano nei test

Andiamo a vedere cos’è e perché i team di F1 usano la flow viz, la famosa vernice che vediamo nei test.

Durante le sessioni di test e nel corso delle prove libere, avrete sicuramente notato che le squadre spruzzano del colore sulle vetture. Si tratta della famosa flow viz e in questo articolo andremo a vedere cos’è e perché i team di F1 la usano.

flow viz cos'è perché usano f1 flow vis
Andiamo a vedere cos’è e perché i team di F1 usano la flow viz, la famosa vernice che vediamo nei test – Foto: F1inGenerale

Il nome completo, flow-visualizationdà già una prima idea del motivo per cui viene utilizzata visto che la traduzione letterale sarebbe “visualizzazione del flusso”. Infatti, questa particolare vernice permette ai tecnici di analizzare quelli che sono i flussi aerodinamici della monoposto nel momento in cui la vettura viene mandata in pista.


Leggi anche: F1 | Problema track limits e Intelligenza Artificiale: ecco le soluzioni al vaglio della FIA


Ovviamente la flow viz viene sparsa solo su determinati componenti che devono essere studiati per poter confrontare i dati raccolti in pista con quelli ricavati dalla galleria del vento o dalle simulazioni CFD.

In particolare si verranno a creare delle bande più intense, corrispondenti alle zone in cui la velocità dell’aria è maggiore, e delle bande sottili in cui la velocità dell’aria è inferiore.

Dettaglio del Flow-Vis sulla RB19 di Verstappen – Credits: twitter @AlbertFabrega

L’utilizzo della flow viz permette però alle scuderie rivali di avere un’idea di quelli che i sono flussi delle altre monoposto. Per aggirare questo problema i team usano una miscela di paraffina e polistirene. Si tratta di una sostanza quasi trasparente che ha bisogno dell’utilizzo di luce ultravioletta per poter essere analizzata. In questo modo si possono raccogliere i dati desiderati senza dare però informazioni agli avversari.

Rispetto al passato, nelle ultime stagioni la flow viz viene utilizzata con maggior frequenza visto che gli ultimi regolamenti hanno limitato notevolmente la possibilità di effettuare test.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Fonte dell’immagine di copertina: F1inGenerale