A TCFormula 1

F1 | Terremoto Red Bull, l’unica soluzione potrebbe essere la scissione

In Red Bull la situazione si fa sempre più complicata: nelle ultime ore prende seguito l’ipotesi di una clamorosa scissione al colosso austriaco e casa-madre della scuderia

La Red Bull potrebbe addirittura smettere di chiamarsi Red Bull? Nelle ultime ore sta prendendo vita l’ipotesi di una scissione della scuderia austriaca dalla casa-madre Red Bull, nonché nota produttrice di bevande energetiche su scala mondiale.

Nelle ultime ore ha preso il largo la voce di un allontanamento di Helmut Marko. Alla base di tutto continua ad esserci la questione ormai diventata spinosa che riguarda il team principal Christian Horner. La Red Bull aveva inizialmente assolto l’inglese (dopo una lunga inchiesta), ma le chat tra Horner e la dipendente rese pubbliche in Bahrain hanno aperto un nuovo scottante capitolo.

red bull scissione
Helmut Marko e Christian Horner nel paddock in Bahrain – Credits: Red Bull Content Pool

Già a Sakhir, infatti, Jos Verstappen si era schierato contro Horner e ora anche Marko pare che abbia preso le sue posizioni. Per questo motivo potrebbe dire addio alla scuderia austriaca. Ma l’addio di Marko potrebbe non essere l’unico addio definitivo.


Leggi anche: F1 | Tutti pazzi per Bearman: Verstappen (e non solo) stregato dall’inglesino


Pare che Chalerm Yoovidhya (membro che detiene il 51% della squadra) potrebbe scegliere di dividersi dal marchio Red Bull. Secondo quanto appreso da F1ingenerale nel paddock del Bahrain, il manager starebbe pensando ad una scissione dalla casa madre Red Bull GmbH, colosso fondato da Dietrich Mateschitz e Chaleo Yoovidhya, nonché il padre di Chalerm.

Se così dovesse essere si andrebbe a confermare l’ipotesi che Horner voglia acquisire le azioni della scuderia. Staccandosi dalla produttrice di bevande energetiche, infatti, la scuderia si libererebbe di alcuni vincoli nelle azioni.

Horner stesso potrebbe approfittare di questa cosa e assumerne il controllo anche da un punto di vista finanziario. Nel momento in cui dovessero liberarsi queste azioni, infatti, il team principal potrebbe acquisirle in modo da diventare socio a tutti gli effetti della scuderia. Insomma, la situazione della Red Bull, allo stato attuale, continua ad essere estremamente scottante.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter