A TC

F1 | Leclerc fuori in Q2 a Silverstone: “McLaren, Mercedes e Red Bull davanti, avevo pochissimo grip”

La delusione di Charles Leclerc al termine delle qualifiche del GP di Silverstone, con il monegasco eliminato clamorosamente in Q2 per mano di Lance Stroll

Si sapeva che Ferrari avrebbe sofferto i lunghi curvoni veloci del circuito di Silverstone, ma il disastro vistosi oggi in qualifica è un qualcosa di difficilmente spiegabile e giustificabile. Dopo aver speso l’intero venerdì a effettuare prove comparative in pista con configurazioni differenti, gli uomini di Maranello hanno deciso di abbandonare la specifica introdotta a Barcellona nelle FP3, facendo un passo indietro e tornando alla SF-24 in versione Imola.

F1 | Ferrari, Leclerc a rischio penalità a Silverstone: cos'è successo durante le qualifiche
La delusione di Charles Leclerc al termine delle qualifiche del GP di Silverstone © Scuderia Ferrari

Leclerc delude in qualifica a Silverstone

Nemmeno questo però è bastato per vedere un risultato migliore in qualifica, con Charles Leclerc che, anche a causa di un errore in uscita dalla Becketts, è rimasto escluso in Q2  per mano di Lance Stroll. Una beffa clamorosa per il monegasco, che sarà quindi costretto a rimontare dall’undicesima posizione nella gara di domani.

”Credo che ieri abbiamo imparato molto per la squadra dividendo le configurazioni delle vetture”, ha commentato il monegasco parlando con i media, tra cui F1ingenerale, al termine delle qualifiche. ”Questo comporta anche il fatto che non si ottimizza il weekend e non ci si concentra solo sulle prestazioni”.

”Ovviamente oggi abbiamo perso una Q3 per un decimo, ed era la prima volta che guidavo con questa configurazione sull’asciutto dopo le FP3 sul bagnato. Quindi, nel complesso, stiamo lottando per ottimizzare il weekend, ma credo che a lungo termine ciò che abbiamo fatto ieri ci aiuterà. Tuttavia, mi sembra che oggi ne stiamo pagando un po’ il prezzo”.

Il numero 16 ha poi parlato del comportamento della monoposto una volta tornata alla precedente versione: ”È andata un po’ meglio, e questo è il motivo principale per cui siamo tornati al vecchio pacchetto”.

Il monegasco ha pagato l’errore nel giro decisivo, ammettendo però di aver trovato pochissimo grip all’anteriore: ”In curva 13 e alla curva 15 sono andato completamente dritto. L’anteriore sinistra era fuori dalla finestra e avevo pochissima aderenza, quindi ho lottato molto con il bilanciamento alle alte velocità e con la rotazione. Quindi, sì, credo che la maggior parte del tempo sul giro sia stata dovuta a questo”.

”Non entrerò troppo nei dettagli, ma di sicuro da Monaco in poi abbiamo perso un po’ di performance. Lo stiamo esaminando. Anche per questo stiamo facendo tutti questi test. Siamo giunti alla conclusione che era la scelta giusta tornare indietro per questo fine settimana, soprattutto a causa del bouncing”.


Leggi anche: F1 | Sargeant può lasciare Williams già quest’anno: le parole di James Vowles


”Prenderemo la decisione giusta per il futuro molto presto. Quello che abbiamo fatto ieri è stato molto utile per aiutarci a prendere la decisione giusta in futuro. La Mercedes è davanti, la McLaren è davanti, la Red Bull è davanti e noi siamo quelli che stanno faticando da due gare”.

”Quindi, come ho già detto da troppe gare, dobbiamo riprenderci e cercare di trovare le prestazioni che non riusciamo a trovare nella macchina.

Infine, Leclerc spera nella pioggia domani per cercare di risalire la china: ”Tutto può aiutarci. La cosa peggiore sarà una gara normale con la stessa strategia per tutti. Quindi accolgo con favore la pioggia se ci aiuta”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.