A TCFormula 1

“Manovra spaventosa”, polemiche dalla Spagna sul duello Sainz-Leclerc – F1

La protezione di Leclerc su Sainz al via del GP di Cina scatena le polemiche in Spagna: Marca al vetriolo.

Una Ferrari spenta e pallida non riesce a rimontare in Cina: a mettere pepe alla corsa di Leclerc e Sainz ci ha pensato la stampa in Spagna, specialmente MARCA, piuttosto critica nei confronti del monegasco.

f1 cina shanghai marca spagna leclerc sainz ferrari gara partenza gp
Foto: Mark Sutton / LAT Images – Foto Copertina: @ScuderiaFerrari via X

Il post-gara di Shanghai accoglie le bollicine stappate da Max Verstappen ed un incredulo Lando Norris. In casa Ferrari si fanno rapidamente le valigie per lasciare rapidamente la Cina e concentrarsi sulla tappa di Miami tra due settimane.

Gara da dimenticare per la rossa, che delude le aspettative e in gara è terza forza. Il duo del team di Maranello inoltre non inizia bene il gran premio, perdendo alcune posizioni alla partenza. Il motivo? Una bagarre in curva 1 tra Leclerc e Sainz che ha prontamente scatenato le consuete polemiche di MARCA, quotidiano sportivo in Spagna.


Leggi anche: Ancora scintille in casa Ferrari: Sainz infastidito dalla manovra di Leclerc in partenza


L’articolo è piccato. L’esordio è tranciante e accusa Leclerc. “Il compagno di squadra (di Sainz, ndr) ha attraversato 15 metri da un lato all’altro in curva 1 per coprire Carlos, partito meglio di lui, con una manovra spaventosa. Il principale rivale e obiettivo di Leclerc era Sainz.”

Effettivamente anche Sainz ha sottolineato l’episodio con il monegasco, senza tuttavia puntare eccessivamente il dito contro Leclerc: “Date le circostanze, credo che la P5 fosse il massimo che si potesse fare.”

Se Sainz derubrica l’episodio, il quotidiano iberico calca la mano: Dopo tre gare dietro a Sainz, Charles ha preferito ostacolare il compagno di squadra piuttosto che cercare la posizione migliore in partenza […] Ha raggiunto l’obiettivo di costringere Sainz a lasciare la pista per evitare il contatto.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter