Pagelle AdDiriyah ePrix | Al ballo delle debuttanti tante remore e qualche disastro

C’è chi parte in vacanza con una buona dose di fortuna, chi ha molte remore, chi penserà al tanto lavoro da fare e chi ha combinato un disastro. C’è qualcuno che passerà il Natale col cuore in pace? Di sicuro non la regia internazionale. Da 10 a 0, tutti i voti del primo ePrix della nuova era. Pagelle Formula E eprix

10 – Jean-Eric Vergne

@jeanericvergne

Spettacolare: ha animato la lotta per la vittoria fino a farci pensare che nessuno avrebbe potuto fermarlo: tranne la sua squadra (vedi sotto). Ha rimontato le posizioni che la stramba qualifica gli aveva affibbiato e nonostante il drive through è riuscito ad attaccare Da Costa nelle ultime curve. È il vincitore morale dell’ePrix, e se continua così…

9 – Antonio Felix Da Costa

Può ritenersi molto più che soddisfatto di un risultato per niente scontato, nonostante le prestazioni di Valencia. E la gara del compagno Sims lo dimostra. Ha l’animo di chi vuole vincere e la vettura che può portarlo nel posto giusto, al momento giusto. Il duro lavoro e l’assenza di errori pagano sempre (con ottimi voti).Pagelle Formula E eprix

8 – André Lotterer e la Nissan

Non dovrei dare lo stesso voto a più di uno, ma mi permetto qualche eccezione. Il tedesco ha dimostrato di avere la grinta e la voglia di combattere, cosa che ha già animato lo scorso campionato. Per la prima parte della gara è andato più forte di JEV il che lo rende il compagno ma non certo il gregario del campione in carica. Con la vettura che la Techeetah ha messo in campo, ci ha dimostrato (irregolarità permettendo) di poterci dare soddisfazioni.

E un po’ di soddisfazione se la porta a casa anche la Nissan. Ha alle spalle la deludente stagione 4 Renault, l’arresto del Presidente Ghosn, la crisi Ricciardo-Albon. Oggi ha iniziato il campionato con un primo passo verso la rinascita: una buona qualifica e entrambe le vetture a punti: 6° e 7°. Certo, la strada per tornare a essere il costruttore vincente è lunga, ma l’esordio è incoraggiante.

7 – Jerome D’Ambrosio e Mitch Evans

@mahindraracing

Entrambi, 3° e 4° oggi, hanno iniziato la stagione nell’ombra dei rispettivi compagni di squadra: Rosenqvist e Piquet Jr. Entrambi fortunati e favoriti dai problemi Techeetah e dalle condizioni delle qualifiche. Entrambi hanno riportato un risultato assolutamente inatteso dai rispettivi team, riscattando sé stessi e la squadra. Anche qui, il duro lavoro e l’assenza di errori portano dritti verso il podio (o quasi).Pagelle Formula E eprix

6 – DS Techeetah

Un’idea regalo per Natale può essere il manuale “Come perdere una doppietta”. Poco da dire, è evidente che non ce ne sarebbe stato per nessuno, al netto delle penalità. Danneggiato JEV, che rinuncia a una facile vittoria, danneggiatissimo Lotterer, rispedito nel traffico e dunque con un hyperboost compromesso. Certo, c’è da dire che hanno fatto più spettacolo le loro penalità che molti attack mode (?). Certo, promozione pur sempre meritata: se questo è il loro potenziale, auguri a tutti gli altri, e non parlo degli auguri di Natale.Pagelle Formula E eprix

5 – Mahindra

A proposito di D’Ambrosio. Con il belga sul podio, possiamo immaginare cosa avrebbe potuto fare Rosenqvist con questa gara. E appunto, possiamo solo immaginarlo. Occasione perduta per sempre per la casa indiana, che saluta lo svedese già stasera, in attesa di Wehrlein, esordiente, con tutte le conseguenze del caso. Senza i problemi causati al biondino sia in qualifica che in gara, sono sicuro che sarebbe stata una gara da 10. Ma al netto di tutto, meritano, purtroppo, un dimezzamento: 5 e rimandati.Pagelle Formula E eprix


4 – Audi

Ma dov’è finita? La davamo tutti come la vera squadra da battere e invece ha arrancato, soprattutto in qualifica, ma anche in gara. Certo, Abt e Di Grassi hanno guadagnato molte posizioni, ma li abbiamo persi nel gruppo, lì dove nemmeno loro erano convinti di ritrovarsi. Hanno un mese per trovare la strada giusta per Marrakech, buon (tanto) lavoro. Ma non diamoli per vinti, l’anno scorso i campioni in carica avevano cominciato anche peggio.Pagelle Formula E eprix

3 – Virgin

@fiaformulae

Il team cliente segue il team di riferimento. A conferma che qualcosa non va nel pacchetto Audi. Ci si aspettava molto di più da loro, soprattutto dal buon caro Bird, che in un modo o nell’altro riesce sempre a infilarsi tra i primi. Mi auguro per loro che non siano rammaricati di aver scelto Audi nel momento sbagliato.

2 – Venturi

Se sul pacchetto Audi c’è tanto da lavorare, alla Venturi mi auguro sappiano almeno da dove cominciare. Le 4 vetture del fornitore, cioè Venturi e HWA, chiudono il gruppo e le classifiche. Un inizio così è davvero un nightmare before Christmas per Massa e Susie Wolff, in fuga dalla Williams F1. Correre ai ripari, e alla svelta anche.

1 – Nio

Voto 1 al costruttore cinese. 1 come il giro che dovevano far fare a Dillmann in qualifica anziché tenerlo a zonzo per tutta la sessione. 1 come unica anche per loro è l’occasione gettata al vento: il pilota francese in prima fila è stata la vera sorpresa del weekend. Dopo il 4° posto all’ultimo ePrix dello scorso anno, Tom sta crescendo. Da tenere d’occhio, nonostante sia stato il meno votato al Fanboost.Pagelle Formula E eprix

0 – FIA e regia internazionale

@fiaformulae

Ragazzi, avete trasformato uno spettacolo in una casciara. App e sito Formula E in tilt per gran parte della giornata. Impossibilità di reperire i risultati completi delle sessioni sui canali ufficiali (cosa fondamentale quando gli appuntamenti sono a poche ore di distanza). Sono sparite le inquadrature on board con i dati tecnici sulle prestazioni delle vetture. Non pervenute le comunicazioni dalla direzione di gara: risultato? Abbiamo scoperto le penalizzazioni in qualifica a pochi minuti dalla gara. Abbiamo visto le Techeetah entrare nella pitlane per i drive through dal nulla. Insomma, un disastro. Per non parlare dei dettagli sull’utilizzo dell’attack mode che dovevano essere pubblicati 1 ora prima della partenza, e che nessuno ha visto tra il pubblico. Auguriamoci che questo primo evento fosse di assestamento.

Infine, e lo dico senza spirito di polemica, questo weekend ha pagato le conseguenze di avere due serie (Formula E e Jaguar eTrophy) con quasi tutte le sessioni racchiuse in un solo giorno. Al primo imprevisto (leggasi “pioggia”) sono state cancellate sessioni e cambiate le modalità di competizione, con conseguenze sui risultati (vedasi la voce Nio). Fossi Alejandro Agag, un pensierino ce lo farei su questo.

Non pervenuti – Massa e Vandoorne

Voi li avete visti? Ma dove sono finiti anche loro? Certo, la loro vettura non aiuta…Pagelle Formula E eprix

? – Attack mode

Il grande atteso della vigilia. Senza una regia sul pezzo e senza alcuni dettagli in diretta, non si può ancora valutare l’impatto di questo nuovo importante pezzo di regolamento. Per questo, giudizio rimandato al prossimo anno, come la prossima pagellaPagelle Formula E eprix

Buone feste a tutti!

Formula E | Ad Diriyah, vince Da Costa tra tanti colpi scena

Walter B.

Studente al quinto anno di Giurisprudenza comparata europea e transnazionale, attualmente in Francia. Tra mille cose sono appassionato di Formula 1, tifoso Ferrari e blogger di Formula E. Mi trovate anche su Twitter: @euro_walter