Pambuffetti PJ-01 – Quando l’ingegneria estrema trova la strada

Un nuovo marchio si affaccia nel mondo delle HyperCar, e lo fa nel miglior modo possibile. La nuova Pambuffetti PJ-01 presentata al MIMO 2021.

L’habitat giusto per Pambuffetti PJ-01

L’abside del Duomo di Milano è forse la posizione migliore dove presentare la nuova Pambuffetti PJ-01. Questa nuova Hypercar completamente italiana nasce dal sogno di Juri Pambuffetti, da sempre impegnato all’interno del motorsport. Andiamola a scoprire insieme.

Pambuffetti PJ-01

Pambuffetti PJ-01, pura grinta

Già dalla prima occhiata si può notare la cattiveria di quest’auto, ma le sue potenzialità vanno oltre l’immaginabile. Probabilmente un rapporto chilogrammi/cavalli di 1,3 non sarebbe pensabile, nemmeno nei sogni. Ma la macchina prodotta in centro Italia sveglia tutti e ci sorprende con una vettura che vanta un peso di soli 1100 kg e un motore da paura. Un 10 cilindri 5.2 che spinge fino a 820 cavalli, fornito da un’altra casa automobilistica italiana top secret (ma come si suol dire “chi ha orecchie per intendere intenda“). E la serie di numeri assurdi continua. 0-100 in meno di 3 secondi, velocità massima oltre ai 320 km/h, e un downforce di oltre 500 kg a 280 km/h.

 

Foto di Matteo Quattrocchi

Leggi anche: L’economica per ogni occasione: ecco a voi la nuova Dacia Sandero Stepway


E la serie continua…

L’areodinamica è quella propria di una monoposto da Formula 1, che unisce la performance al massimo della sicurezza e della stabilità possibile. La PJ-01 dispone di un sistema di ABS regolabile, con i freni anteriori da 380 mm e quelli posteriori da 365 mm. Per osare ancora di più, è presente l’opzione dei freni carboceramici. La Pambuffetti PJ-01 è la prima HyperCar italiana ad adottare una posizione di guida molto simile a quella di una monoposto. Una posizione ergonomica, naturale e confortevole. Il telaio è un mix tra acciaio ad alta resistenza e carbonio prepreg, per dare tutta la sicurezza e la leggerezza di cui ha bisogno una macchina a trazione posteriore come questa. Il cambio elettroattuato, di derivazione, una volta di più, racing, è ad innesti frontali, con palette al volante. Le sospensioni sono a doppi triangoli sovrapposti a sezione areodinamica, con ammortizzatori regolabili e barre antirollio.

Foto di Matteo Quattrocchi

 

Se non si fosse capito, lo scopo del brand Pambuffetti è portare tutta l’ingegneria estrema che sta dietro alle monoposto da Formula 1 in strada. E il cammino inizia proprio con questa PJ-01, di cui saranno disponibili solo 25 esemplari. Meraviglia.

Pambuffetti PJ-01

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter