Perché seguire la Formula E : alto livello del parco piloti

Una delle ragioni per la quale seguire la Formula E, è legato al livello dei piloti, piuttosto alto. Tanti sono i piloti che dopo un’esperienza in Formula 1 hanno scelto la FE, così come sono tanti i giovani che scelgono questa categoria. Formula E Piloti

Formula E Piloti
La griglia della quinta stagione. Foto: Motori Virgilio

Nel corso degli anni, la Formula E è sempre andata in crescendo per quanto riguarda i piloti. Mentre nelle prime stagioni i piloti immigravano in FE dalla F1, da qualche stagione anche i giovani piloti iniziano ad ammirare la serie totalemente elettrica. Formula E Piloti

I Campioni

Di Grassi Buemi Vergne
Di Grassi, Buemi e Vergne sul podio di Berlino. Foto: ABB FIA Formula E

Iniziamo dall’unico bicampione della FE, Jean-Eric Vergne. Il pilota francese, prodotto della Red Bull Junior Team, ha corso in F1 dal 2012 al 2014. Vergne ha corso in FE dalla prima stagione, nella quale è salito due volte sul podio.

Un altro pilota scuola Red Bull è Sébastien Buemi. Lo svizzero è il pilota con più vittorie, giri veloci (insieme ad Abt) e Pole Position della categoria ed è il vincitore della stagione 2015-16. Buemi ha sfiorato il titolo anche nella prima e nella terza stagione, persi rispettivamente contro Piquet Jr e Di Grassi. Del suo palmarès sono assolutamente degni di nota i due titoli mondiali endurance e le due 24h di Le Mans.

Lucas Di Grassi, campione nella terza stagione ed unico ad aver chiuso sul podio in tutte le stagioni, è anche il pilota con il maggior numero di punti conquistati e più podi. Il brasiliano ha sfiorato anche il mondiale endurance nel 2016.

Attenzione ai veterani

Formula E Piloti
Foto: motorsport images

Nonostante la prossima sarà la sua terza stagione, André Lotterer può essere considerato uno dei migliori piloti della categoria. Non è ancora riuscito a salire sul gradino più alto del podio,ma, qualora Porsche dovesse rivelarsi competitiva, Lotterer potrebbe fare un pensierino anche sulla vittoria finale. L’ex Techeetah, sempre con Porsche, ha vinto per due volte la 24h di Le Mans ed un mondiale endurance.

Uno dei piloti che partecipano sin dalla prima stagione è Daniel Abt. Il tedesco ha vinto solo due gare in Formula E, ma ha dimostrato di essere un pilota sempre più affidabile e costante stagione dopo stagione. Insieme a Buemi, è il pilota con più giri veloci.

In lotta per la vittoria nella passata stagione, Antonio Felix Da Costa quest’anno avrà l’opportunità di lottare per il titolo approdando in Techeetah. Per l’ex del vivaio Red Bull, due vittorie in 5 stagioni in Formula E e due vittorie al Gran Premio di Macao.

Sam Bird è un altro nome presente in Formula E dalla prima gara di Pechino. L’inglese ha vinto 8 gare, almeno una in ogni stagione e 5 Pole. Bird è anche un esperto del WEC, con 4 vittorie a testa in LMP2 e GTE-Pro, dove si è laureato Campione di classe LMP2 nel 2015.

Anche Mitch Evans è da tenere sott’occhio per la prossima stagione. Confermato dalla Jaguar per la quarta stagione consecutiva, Evans ha vinto la sua prima gara a Roma ed è stato anche in lotta per la vittoria finale ad un certo punto della stagione. E’ stato il Campione della GP3 nel 2012.

Ultimo, ma non meno importante, Felipe Massa. Il vice Campione del Mondo F1 2008 ha avuto una prima stagione per adattarsi alla Formula E, nella quale è salito sul podio a Montecarlo. Non sarà un veterano della serie, ma sicuramente un esperto del mondo delle corse e nella sua seconda stagione con Venturi, l’obiettivo di Felipe sarà la prima vittoria.

Attenzione ai giovani Formula E Piloti

Mercedes Formula E

La Formula E sta accogliendo anche tanti giovani piloti. L’anno scorso, Maximilian Gunther, Pascal Wehrlein, Stoffel Vandoorne e Oliver Rowland hanno corso la loro prima stagione intera.

Gunther, dopo una buona stagione con la Dragon, passa in BMW, affiancando molto probabilmente Alexander Sims, alla sua seconda stagione in FE – come Gunther.

Pascal Wehrlein, il più giovane vincitore del DTM ,nel 2015 è stato confermato in Mahindra dopo una buona stagione d’esordio con un podio, una Pole e due giri veloci ed avrà l’opportunità di vincere la sua prima gara.

Stoffel Vandoorne sarà invece pilota Mercedes con Nyck De Vries, anch’egli un altro bel talento da tenere d’occhio. Il primo è salito sul podio a Roma ed è il campione della GP2 del 2016. Il secondo invece è il campione uscente della F2.

Infine, sarà la seconda stagione anche per Oliver Rowland, che nell’annata precedente ha conquistato più pole di tutti, ben 3. L’inglese è salito sul podio due volte, ma gli manca la vittoria.

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

Perché seguire la Formula E: i grandi Costruttori si preparano al futuro!

Emanuele Zullo

Sono un ragazzo di 14 anni e la mia passione per lo sport è immensa. Spero di coronare il mio sogno, diventare un giornalista sportivo.