Formula 1Interviste

F1 | Leclerc al posto di Hamilton in Mercedes: solo fantamercato?

Dovesse Mercedes continuare il trend negativo delle ultime due stagioni, Peter Windsor vedrebbe sorprendentemente Charles Leclerc come papabile candidato a prendere il sedile di Lewis Hamilton

La stagione 2024 sarà un crocevia importante non solo per le scuderie ma anche e soprattutto per i piloti. Con ben 14 piloti in scadenza, è facile pensare che attorno alla pausa estiva ci ritroveremo a commentare rumors su rumors, e basterà anche solo uno spostamento per scatenare la classica silly season. Chi invece non è interessato (almeno per i prossimi due anni) da tale discorso è Lewis Hamilton, che ha firmato pochi mesi fa un biennale con Mercedes e resterà a Brackley almeno fino al 2025.

Discorso diverso invece per Charles Leclerc, in scadenza a fine stagione e con la questione rinnovo che tiene ancora banco. Stando alle indiscrezioni, il monegasco dovrebbe firmare un triennale fino al 2027, con eventuale opzione per altri due anni. Tuttavia, sappiamo come i contratti in Formula 1 possano diventare carta straccia dal giorno alla notte, e la rivoluzione regolamentare che interesserà il circus nel 2026 potrebbe rimescolare le carte.

Leclerc Hamilton Mercedes
Leclerc in Mercedes nel 2026: solo fantamercato…per ora © Mark Sutton

Leclerc in Mercedes nel 2026: solo fantamercato…per ora

“Non credo che Hamilton correrà ancora a lungo se Mercedes non gli fornirà una grande macchina quest’anno”, ha detto Windsor in un recente video pubblicato sul suo canale YouTube. “Quindi, si potrebbe vedere Leclerc andare in Mercedes, e se Lewis annunciasse il suo ritiro abbastanza presto, e se la macchina non fosse abbastanza buona, Charles potrebbe andare lì”.

Chiaramente, almeno per il momento si tratta solamente di ipotesi se non proprio di fantamercato. Salvo clamorosi stravolgimenti, il sette volte campione del mondo dovrebbe tenere fede all’impegno preso lo scorso Settembre, ed estendere la sua avventura a Brackley di almeno altri due anni.

Proseguendo con la sua disamina sul ferrarista, il giornalista britannico si è concentrato in particolar modo su un tema da sempre molto scottante, ovvero i tanti piccoli errori commessi dal monegasco: “Penso che se la Ferrari fosse veloce come Red Bull, vedreste Charles fare pochissimi errori nei momenti importanti”.

La natura di tali errori, secondo Windsor, risiederebbe nella volontà di Leclerc di guidare anche oltre agli evidenti limiti che hanno falcidiato la SF23 lo scorso anno: “Credo che tutto questo sparirà rapidamente. Molti degli errori, se non tutti, siano il risultato del fatto che la Ferrari è in svantaggio a ogni gara”.


Leggi anche: F1 | Verstappen trionfa nella 24h di Daytona virtuale con il Team Redline


”Dovendo essere al limite, con un set up che permetta di ottenere il tempo sul giro dalla vettura, sia per essere veloci sul rettilineo, sia per avere l’aderenza di cui hanno bisogno sulla trazione o qualsiasi altra cosa, sono sempre al limite di tutto”.

”Se a questo si aggiungono tutte le politiche della Ferrari che derivano dalla mancata vittoria e tutte le cose che si accumulano intorno a te, e il modo in cui la scuderia inevitabilmente non è molto brava a gestire le proprie politiche, è per questo che si sono insinuate quelle aree”.

La speranza, sia per Ferrari e Mercedes che per Leclerc e Hamilton, è di poter disporre finalmente di una monoposto all’altezza del loro talento, e possibilmente molto vicina alla RB20 come prestazioni. Per rispondere a questa domanda non dovremo aspettare a lungo, con i test in Bahrain che inizieranno tra un mese esatto.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter