Race for the World | Raccolti 50.000$ nel secondo round del campionato virtuale

Concluso il secondo round della Race for the World, vittoria per Charles Leclerc in gara uno e Alex Albon in gara due. Ben 50mila dollari raccolti per la lotta al Covid-19.

RACE FOR THE WORLD
Foto: Leclerc Twitch

Nella gara uno della Race for the World, disputatasi sul circuito di Spa-Franco Champs, la Pole Position è di Antonio Giovinazzi. Nel corso del primo giro, Charles Leclerc passa subito in testa. Ma, Lando Norris, lo supera sul rettilineo del Kemmel, al giro numero due.

Al giro quattro, il monegasco si riprende la leadership. Alla sesta tornata, l’inglese va ai box per il cambio gomme, mentre Leclerc pitta due giri dopo e torna in testa. Nelle retrovie, duello infinito tra Luca Albon, fratello di Alex, e Stoffel Vandorne. Alla fine la spunterà Stoffel. Vince Charles Leclerc con una strategia e una gestione gara perfette, secondo Lando Norris.

Il secondo round si disputa sul circuito cittadino di Baku. Partenza al palo per Lundgaard. Gara un po’ caotica nei primi giri a causa dei numerosi incidenti. Fin dall’inizio, Alex Albon  prende il comando della gara, tallonato da Leclerc. Scelta diversa al pit stop per i due contendenti alla vittoria. Gomma morbida per Albon e dura per Leclerc. Brividi per il pilota della Ferrari all’ultimo giro, autore di un testacoda. Vince in solitaria Alex Albon, secondo Leclerc, terzo Luca Albon.

Il campionato per beneficenza tornerà venerdì 17 Aprile alle 19:00 con l’obiettivo principale di donare ancora più fondi a favore dei medici a lavoro contro il Coronavirus.

Seguici su Twitter.

F1 | Possibile un calendario con 15 gare

Giuseppe Cinotti

Laureato in Operatore Giuridico d'Impresa e specializzando in Relazioni Internazionali e Cooperazione allo sviluppo presso L'Università per Stranieri di Perugia. Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.