F1 | Record e statistiche GP Ungheria: Ferrari vuole bissare il 2017

La 33a edizione del Gran Premio di Ungheria è l’ultimo appuntamento prima della pausa estiva. Dopo il ritiro di Vettel e il successo di Hamilton in Germania si è di nuovo ribaltata la situazione in testa alla classifica, con il pilota inglese e la Mercedes in testa. Vettel e la Ferrari cercano però subito riscatto, in un circuito che negli ultimi anni ha spesso visto la rossa protagonista. GP Ungheria 

Il trionfo di Vettel nel GP di Ungheria 2017. Foto: Formula 1.

Il Gran Premio d’Ungheria è il 12° appuntamento stagionale con la Formula 1, gara che viene subito dopo il GP di Germania e conclude la serie di 5 Gran Premi in 6 settimane. La gara ungherese sarà fondamentale per arrivare al meglio alla pausa estiva, tutti vorranno massimizzare il risultato soprattutto dopo i vari ritiri e incidenti nelle ultime gare. In casa Ferrari la speranza è quella di replicare la doppietta dello scorso anno, per riscattare la delusione della Germania e cercare di riconquistare la vetta delle classifiche.   GP Ungheria 

La storiaP Ungheria 

Il Gran Premio d’Ungheria entra nel calendario di Formula 1 nel 1986 con il circuito dell’Hungaroring.

In un circuito tortuoso e sul quale è difficile superare, si sono viste diverse gare spettacolari. Si ricordano la vittoria di Nigel Mansell su Ferrari nel 1989, dopo essere partito 12°, la quasi vittoria di Damon Hill nel 1997 alla guida della modesta Arrows e il secondo posto, con vittoria sfumata negli ultimi giri, per Fernando Alonso nel 2014 alla guida della Ferrari F14T.

Nel 2007 vi fu il clamoroso episodio in qualifica con Alonso che bloccò Hamilton (allora compagni di squadra entrambi in McLaren), causando una penalità per Alonso in griglia e l’annullamento dei punti nei costruttori per quella gara per McLaren.

Hanno conquistato il primo successo in carriera in Ungheria : Damon Hill su Williams nel 1993, Fernando Alonso su Renault nel 2003, Jenson Button su Honda nel 2006, Heikki Kovalainen su McLaren nel 2008.

La prima vittoria in carriera di Fernando Alonso, GP di Ungheria 2003. Foto: Racefans.

Michael Schumacher conquistò all’Hungaroring nel 2001 la sua 51a vittoria in carriera (eguagliando Prost) e il titolo piloti. La Ferrari conquistò qui il titolo costruttori nel 2002 e 2004.

Positivi gli ultimi anni per la scuderia di Maranello con le vittorie di Vettel nel 2015 e nel 2017.


Il circuito dell’Hungaroring

L’Hungaroring è un circuito permanente situato 20 km a Nord-Est di Budapest. Il circuito è rimasto pressoché invariato dalla prima edizione del 1986 fino al 2002. Dal 2003 si corre sulla conformazione attualmente in uso, rimasta simile a quella precedente, con la modifica di curva 12 e l’allungamento del rettilineo del traguardo.

Il circuito dell’Hungaroring. Foto: Formula 1

Il tracciato misura 4,381 km, da percorrere in gara per 70 giri per una distanza totale di 306,630 km.  GP Ungheria

Sono presenti 14 curve, di cui 8 a destra e 6 a sinistra.

Le mescole portate da Pirelli prevedono per la seconda gara consecutiva il salto di mescola, con la presenza di Ultrasoft (Purple), Soft (Yellow) e Medium (White).

I record

I record segnati vedono piloti e scuderie diverse primeggiare in pole position, vittorie e giri veloci.

Pole Position

Michael Schumacher guida questa classifica con 7 pole position conquistate all’Hungaroring. Lewis Hamilton insegue a quota 5, poi Senna e Vettel a 3. Tra i piloti in attività 2 pole per Alonso e una per Raikkonen.

McLaren e Ferrari guidano nei costruttori con 8 pole position a testa. Seguono Williams a quota 6, Mercedes a 4, Renault e Red Bull a 2. Chiudono inoltre con una pole Lotus e Benetton. GP Ungheria

Vittorie

Lewis Hamilton guida la classifica con 5 vittorie in Ungheria. A sorpresa Hamilton ha conquistato solo 2 di queste vittorie in Mercedes (2013 e 2016). Quella del 2013 fu la prima vittoria del pilota inglese per la casa di Stoccarda, l’unico alla guida di una Mercedes non ibrida.

Il primo successo di Lewis Hamilton in Mercedes, nel GP di Ungheria 2013. Foto: Sky Sports.

Michael Schumacher è secondo in questa classifica a quota 4 vittorie, poi Senna a 3, Vettel a 2, Alonso, Raikkonen e Ricciardo a 1. GP Ungheria

Nei Costruttori guida McLaren con 11 vittorie, poi Williams e Ferrari a 7. Inoltre 2 vittorie per Red Bull e Mercedes, una per Benetton, Renault e Honda. GP Ungheria

Giri veloci

Michael Schumacher e Kimi Raikkonen guidano questa classifica con 4 giri veloci. Tra i piloti in attività inoltre 2 giri veloci per Vettel, uno per Ricciardo e Alonso. A sorpresa, nonostante le 5 pole e le 5 vittorie, Hamilton non ha mai segnato un giro veloce in gara all’Hungaroring.

Michael Schumacher e Kimi Raikkonen, GP di Ungheria 2005. Foto: motorsportimages.com

Nei costruttori Williams e Ferrari guidano a quota 9 giri veloci. Seguono McLaren a 6, Red Bull a 5, Jordan, Benetton e Mercedes a 1.

Record sul giro

Tutti i record sono stati segnati da piloti alla guida di una Ferrari.

Qualifica: S. Vettel (Ferrari) – 2017: 1:16.276 (media 206.770 km/h).

Gara: M. Schumacher (Ferrari) – 2004: 1:19.071 (giro 29, media 199.461 km/h).

Distanza in gara: M. Schumacher (Ferrari) – 2004: 1h 35m 26.131 s (media 192.798 km/h).

Così nel 2017

Il podio del GP di Ungheria 2017. Foto: Formula1.com

Sebastian Vettel conquista la vittoria davanti al compagno di squadra Kimi Raikkonen e a Valtteri Bottas su Mercedes. Vettel resiste e vince, nonostante i problemi allo sterzo, la sua 46a gara in carriera.

Pole Position: S. Vettel (Ferrari) – 1:16.276

Ordine di arrivo: 1. S. Vettel (Ferrari) – 2. K.Raikkonen (Ferrari) – 3. V. Bottas (Mercedes)

Giro veloce: F. Alonso (McLaren) – 1:20.182 (giro 69)

48a pole position e 46a vittoria in carriera per Sebastian Vettel.

228a vittoria e 83a doppietta per Ferrari.

59a e ultima gara in carriera per Paul Di Resta, che sostituisce Felipe Massa alle prese con problemi fisici. GP Ungheria

Orari del Week End: GP Ungheria 2018 – Anteprima e orari TV su Sky e TV8 [F1, F2, GP3]

F1 | Record e statistiche GP Ungheria: Ferrari vuole bissare il 2017
Lascia un voto
mm

Emanuele Di Meo

Laureando in Ingegneria Meccanica con una grande passione per la Formula 1. Seguo con particolare interesse anche la Formula 2. Admin della pagina Instagram @vuliusgp.