Rubrica Fellon | Apologia del Maurizio nazionale

Maurizio Arrivabene - Foto Scuderia Ferrari

Maurizio Arrivabene - Foto Scuderia Ferrari

Nel momento più confuso dei tempi recenti, l’unico argomento che tiene banco è il Coronavirus e la possibilità di rinvio dei vari appuntamenti della F1. Quindi da buon Fellon proverò a distogliere la vostra attenzione dalla tragica situazione che ci circonda, svolgendo una vera e propria apologia di Maurizio Arrivabene. L’uomo che ci ha ricordato come si vince.

Maurizio Arrivabene – Foto Scuderia Ferrari

Il manager bresciano dopo molti anni nell’ambito del commercializzazione entra nella filiale europea della Philip Morris. Dedicatosi per molti anni al marketing e alle attività promozionali del marchio, arriva a ricoprire il ruolo di vice presidente del gruppo comunicazione della Marlboro. Ricopre anche in modo del tutto indipendente un ruolo all’interno del consiglio di amministrazione della Juventus (unica pecca di questo bellissimo e affascinante uomo). È anche membro della commissione della Formula 1 in rappresentazione degli sponsor inerenti al massimo campionato a ruote scoperte. Per nostra fortuna giunge nel 2014 ai vertici della Scuderia Ferrari ricoprendo il ruolo di Team Principal. Rubrica Fellon

Arriva al comando della scuderia di Maranello in un momento molto critico, essa infatti era reduce dell’esperienze drammatiche di Domenicali e Mattiacci. Il Maurizio nazionale insieme alla rivoluzione Marchionne porta alla scuderia una visione del tutto nuova del team. Oltretutto la figura di Maurizio era oltremodo fondamentale in una situazione come quella della Ferrari. Uomo capace di mediare e di organizzare un team di vertice come quello di Maranello, capace oltretutto di trattare con i vertici della Formula 1 e in grado di arginare una personalità come quella di Marchionne. Rubrica Fellon

Arrivabene e Binotto mentre chiacchierano nel box.

È sotto la sua guida e quella di Mattia Binotto che il team riprenderà.a vincere e a far sognare i propri tifosi sparsi nel mondo. Non sono arrivati mondiali, ma di certo non siamo stati a secco di emozioni. La sua gestione ha portato negli ultimi 2 anni ad lotta “anomala” per la F1 dopo il passaggio dell’era turbo ibrida. Tuttavia la conclusione come nelle migliori storie d’amore non è stata a lieto fine: la sostituzione e la “cacciata” da Maranello sono stati sicuramente poco in linea con l’amore e la passione dimostrata dal bresciano nei suoi anni.

Arrivabene ha sempre dimostrato un qualcosa che andava oltre il suo ruolo, un’attaccamento alla Totti per la Roma, alla Maldini per il Milan… insomma avete capito,.un amore immenso che ha legato a doppio filo la Scuderia e il Maurizio nazionale. Qualora vi fossero ancora accuse verso di lui, mi basterà farvi notare come dal suo allontanamento non siano mai trapelate parole al veleno o lontanamente fraintendibili verso la Ferrari. Paragoni con il suo sostituto son troppo precoci, ma senza dubbio una figura come quella di Arrivabene manca a questa Ferrari che nelle recenti esperienza sembra essere sempre più disorientata e persa.

Tutti gli appuntamenti della Rubrica Fellon: https://f1ingenerale.com/category/rubrica-fellon/

Seguiteci anche sui nostri social: https://m.facebook.com/F1inGeneraleIT/

F1 | Coronavirus: quattro membri dei team sottoposti a tampone, annullata la sessione autografi


Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.
Disqus Comments Loading...

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.