Rubrica Fellon | Il tramonto della luna

La grande scuderia di Grove è ormai alle fasi finali della sua storia. Dopo un passato glorioso fatto di pole, vittorie e campionati è giunta all’epilogo una delle storie d’amore tra l’Uomo e F1 più belle di sempre. La scuderia Williams ha infatti ufficializzato la messa in vendita delle proprie azioni sia a causa dei problemi finanziari precedenti all’emergenza Covid, sia per la recente crisi che n’è scaturita. Rubrica Fellon

Frank Williams e Senna - Foto f1.com
Frank Williams e Senna – Foto f1.com

La storia della Williams non ha bisogno di essere raccontata. Parliamo infatti di una scuderia che ha nella propria bacheca 744 Gp, 114 vittorie, 128 pole position e 33 doppiette. Gli anni in cui questi numeri hanno visto la propria realizzazione sono ora solo un bel ricordo,.uno di quelli di cui hai una foto sulla scrivania a lavoro. Il presente e il recente passato raccontano infatti di una scuderia di primissima fascia passata dal lottare per la vittoria, a giocarsi un podio, ad accontentarsi dei punti a festeggiare per aver finito una gara. Una discesa di cui potremmo vederne l’inizio a fine 2017 e che ha portato in due anni a distruggere l’amata figlia di Sir. Frank. Rubrica Fellon

Dopo un 2014\2015 da protagonisti data anche l’egemonia della nuova Power Unit Mercedes, la scuderia è passata nel giro di due anni a lottare per concludere una gara..Nel solo 2014 infatti i podi dei due piloti Bottas\Massa erano 9, l’anno successivo 4,.infine nel 2016 solo un piazzamento a podio per Bottas, l’ultimo ricordo di una Williams sul podio è quello di Stroll a Baku 2017. Dal 2018 infatti la scuderia ha iniziato a imbarcare acqua, grazie ai fallimenti di Paddy Lowe, risultato incapace di trasformare una Williams in una Mercedes, e grazie ai piloti disastrosi che si autopagavano i danni. In questi due anni son arrivate poi le esperienze più divertenti: la macchina non pronta per i test, i pezzi di ricambio che mancavano… il tutto per mancanza di fondi. Rubrica Fellon

Foto Williams Racing
Williams

Ora che Rookit ha annullato la sua sponsorizzazione alla scuderia inglese, Stroll è andato via portandosi anche i soldi di babbo Lowrence, Kubica è stato sfrattato insieme ad Orlen,.alla povera Williams non sono che rimasti i chicchi di caffè di babbo Latifi… Sebbene la scuderia sembrasse aver ripreso un po’ di vita,.in base a quanto visto nei test, ciò non è bastato a salvare il nome della casata inglese, costretta ormai a svendersi.

Già in passato abbiamo provato a confrontare le due situazioni che si stavano verificando in casa McLaren e in casa Williams… ora non ci resta che rassegnarci all’idea che anche le storie più belle finiscono… Dunque come da titolo c’è bisogno di parole adeguate per concludere “l’ultimo saluto” alla scuderia di Grove.

…In fuga
Van l’ombre e le sembianze
Dei dilettosi inganni; e vengon meno
Le lontane speranze,
Ove s’appoggia la mortal natura.
Abbandonata, oscura
Resta la vita…

Tutti gli articoli della Rubrica Fellon: https://f1ingenerale.com/category/rubrica-fellon/amp/

Seguiteci anche sui nostri social: https://m.facebook.com/F1inGeneraleIT/

Amarcord | Accadde oggi, 3 giugno 1984 – La stella di Ayrton Senna si manifesta al mondo intero

Paolo Mellone

Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.