Formula 1 Paolo M Parola ai fans Rubrica Fellon
    Pubblicato il 28 Aprile, 2021 alle 13:39

Rubrica Fellon | La rinascita delle nobili

Era il 14 Febbraio 2019 quando in questa stessa rubrica analizzavamo la situazione delle due grandi nobili della F1: McLaren e Williams. Le due scuderie negli ultimi anni hanno subito senza dubbio una rivoluzione completa, sia a livello societario sia a livello di pista. Vediamo in che situazione navigano ora le due scuderie inglesi:

Da sinistra: Ayrton Senna (Lotus), Alain Prost (McLaren), Nigel Mansell (Williams) e Nelson Piquet (Williams) – Credit: CircusF1

Williams:

Dopo le discutibili scelte dei piloti, spesso presi perché paganti più che meritevoli, la scuderia ha risolto quello che senza dubbio è stato il suo problema maggiore: l’instabilità finanziaria. Con i piloti avevano tentato di sopperire proprio a questo problema, prima il russo Sirotckin, poi il polacco Kubica e infine il canadese Latifi, che con i loro budget dovevano rimediare ad una mancanza di budget da parte della proprietà. Sicuramente la pandemia ha accelerato e posto fine all’esperienza della famiglia Williams nella massima serie, ma molto probabilmente non sarebbe comunque continuata a lungo. Dopo anni di gestione Claire, il team era relegato alle ultimissime posizioni. Rubrica Fellon

Basti considerare che nel 2019 solo in Germania nella rocambolesca gara di Hockenheim dove il team è andato a punti e vicino ad essi con entrambi i piloti. L’ultimo punto risale proprio a quello guadagnato dal polacco in Germania, il 2020 è stato infatti privo di piazzamenti in top dieci con tre undicesimi posti come migliori arrivi. La storia però sembra essere cambiata con l’arrivo della nuova proprietà: la Dorilton Capital infatti ha rilevato la scuderia e si è occupata della sua organizzazione. Risultato? Ad Imola Russell era in lotta per l’ottava posizione. Sicuramente la squadra continuerà a soffrire ma la consapevolezza di una stabilità gioverà e non poco a tutto il team. Rubrica Fellon

Shanghai International Circuit, Shanghai, China. Sunday April 15th, 2018.
Sergey Sirotkin, Williams FW41 Mercedes, leads Stoffel Vandoorne, McLaren MCL33 Renault, and Charles Leclerc, Sauber C37 Ferrari.
Copyright: Steven Tee/Williams F1
_2ST0058

McLaren: Rubrica Fellon

Discorso diverso per la scuderia di Woking la quale sebbene una proprietà relativamente stabile si è ritrovata in grandissima difficoltà. Situazione risolta dall’arrivo del tedesco Seidl il quale insieme all’innesto di James Key ha risollevato la scuderia dal marasma in cui navigava. Non di secondo piano è anche il ruolo fondamentale svolto dall’amministratore delegato Zak Brown, il quale in questo periodo molto difficile a livello economico è riuscito a “tener su la baracca” tramite gli accordi di sponsorizzazione e la “vendita” al fondo del Bahrain, il quale a tutti gli effetti è proprietario del McLaren Group. La grande intuizione della scuderia è oltretutto nei piloti: prima con Norris e Sainz ora con Ricciardo, sembra quasi che il team non voglia ricommettere l’errore Vandoorne\Alonso, i quali permettevano al team di correre con un’unica punta. Ancora, fondamentale nella rinascita McLaren è stata anche la scelta della collaborazione con Mercedes la quale già da queste prime due gare sta portando frutti importanti alla scuderia inglese.  

Che siamo insomma davanti la rinascita di queste due grandissime scuderie o sarà solo l’ennesimo falso allarme?

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Tutti gli appuntamenti della Rubrica Fellon

IndyCar | Colton Herta e la suggestione F1

Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.
Disqus Comments Loading...