Rubrica Fellon | Largo ai giovani?!

Alle soglie del nuovo ciclo regolamentare che prenderà avvio nel 2022 la griglia di partenza è senza dubbio variegata sia dal punto di vista delle vetture che dei piloti. Tra questi tuttavia non mancano di certo dei “non più giovani” che sotto alcuni aspetti bloccano lo sviluppo di una nuova classe di piloti. In questo appuntamento della Rubrica Fellon proviamo a vedere chi sono le figure antiche e moderne che sgomitano per un posto in F1.

Fiorio Leclerc Alonso

Nell’elenco degli anziani spiccano senza ombra di dubbio Kimi Raikkonen e Fernando Alonso. Non sono solo loro tuttavia coloro che occupano un ruolo importante nel circus nonostante l’età avanzata. Esemplare è la figura del tedesco Nico Hulkenberg il quale già nel corso del primo anno di covid ha ricoperto il ruolo “jolly” andando a sostituire prima Sergio Perez e poi Lance Stroll. Notevoli sono le caratteristiche del pilota tedesco che negli anni è sempre stato preferito ai suoi concorrenti per la sua costanza,.che tuttavia non lo hai mai portato nelle tre prime posizione a fine gara. Il talento di Hulkenberg è molto apprezzato nel paddock, tuttavia è stato palese che anche Fittipaldi (uno dei tanti nipoti del bicampione del mondo brasiliano) non abbia sfigurato nel salire su una F1 praticamente senza preavviso. Rubrica Fellon

Nonostante ciò i “non più giovani del paddock” continuano a macinare record, dalle partecipazioni ai weekend di gara ai giri percorsi. Resta tuttavia indubbio che risulta essere un peccato che Calum Illot sia rimasto a piedi durante questa stagione dopo le ottime prestazioni mostrate in F2, o ancora Zhou il quale da diversi anni dimostra le sue capacità nelle formule propedeutiche ma ciononostante non riesce a trovare un sedile in F1. Questi sono solo i nomi recenti che sebbene un ruolo sempre maggiore assunto dalle Accademy non riescono a trovare spazio nel circus. Ma guardandoci indietro sono molti i nomi dei papabili giovani che si son visti la carriera.bloccata a causa di piloti più anziani e che garantivano maggiore esperienza. Ma senza rischiare ad oggi non avremmo un Max Verstappen pronto a lottare per un modiale o.un Charles Leclerc che emoziona il popolo rosso sebbene guidi una sorta di bagnarola ibrida. Rubrica Fellon

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Tutti gli appuntamenti con la Rubrica Fellon

F2 | Gianluca Petecof non ci sarà a Baku per problemi di budget: un’altra promettente carriera a rischio?

Paolo Mellone

Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.