Rubrica Fellon | L’effetto disaStroll

Il rampollo canadese Lance e a suo padre Lawrence sono figure sempre più ingombranti nel paddock di F1. La famiglia Stroll è presente da molto tempo nel circus, il marchio del magnate canadese Tommy Hilfiger infatti è una vecchia conoscenza della F1, prima con la collaborazione con Ferrari dei record ora con la Mercedes. In tempi recenti però il cognome Stroll rimanda subito al giovane pilota ex Driver dell’Accademy Ferrari e attuale pilota ufficiale Racing Point che si fa strada nella massima serie distruggendo scuderie. Rubrica Fellon 

Mercedes Stroll

Lance infatti grazie all’ingente sostegno economico offerto dal padre riesce a prendere parte a competizioni internazionali, prima nel kart e poi nelle formula. I risultati del giovane Lance non sono niente male, infatti è vincitore della F3 neozelandese e della F3 europea dove correrà col team Prema (gestito allora da Lawrence). Ma per Lance le tappe non esistono e infatti dopo essere entrato nella FDA, diventa collaudatore nel 2016 Williams e.nel 2017 diviene pilota titolare della scuderia di Groove. Subito nell’anno d’esordio, ereditando una macchina.ancora decente e una scuderia compatta arriva a podio e riesce a ottenere un ottimo secondo posto in griglia di partenza nel Gp d’Italia. La stagione prosegue dignitosamente. Il 2018 è l’inizio della fine per la Williams,Lance con un compagno non proprio all’altezza e una macchina attaccata con lo scotch riesce a malapena a fare qualche punto. Ma ovviamente non gli sta bene questa situazione e andando a piangere da babbo Lawrence si fa comprare una nuova scuderia.Rubrica Fellon Stroll

Stroll e Sirotkin – Foto: Williams Racing

Nel 2019 approda nella nuova Racing Point, ex Force India. La stagione si prospetta rosea per il talento canadese, ma ad oggi dopo 9 gare la situazione è diversa. La RP19 ha racimolato solo 19 punti e Lance ha raccolto solo 3 noni posti, al contrario Sergio Perez suo compagno di box è arrivato sesto come miglior piazzamento. A quanto pare, l’anno scorso con Ocon e il pilota messicano il problema della scuderia erano i fondi: troppo pochi per la F1. Oggi sembra che i fondi ci siano… i piloti un po’ meno. Che ci sia una maledizione della famiglia Stroll? La Williams dopo aver chiuso il rapporto con i canadesi ha iniziato a raschiare il fondo, la Racing Point sembra in caduta libera. I fondi ci sono, la macchina non migliora… da una sola parte del box, il compagno di squadra infatti sembra trovarsi bene con la nuova monoposto. Che sia l’inizio della fine anche per la SportPesa Racing Point F1 Team? Rubrica Fellon Stroll

 

Tutti gli appuntamenti della Rubrica Fellon: https://f1ingenerale.com/category/rubrica-fellon/amp/

Seguici anche su Twitter!

F1 | Intervista esclusiva a Mario Isola: “Le gomme del 2021 una doppia sfida”

Paolo Mellone

Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.